Meeting Hub Meeting Hub blog
location cosa vorrei

10 cose che vorrei in una location

Questo articolo è dedicato alle persone delle location che vogliono sapere cosa si aspetta un docente formatore quando va in una location a fare un corso.

Fai parte del gruppo? Benissimo, eccoti servito!

Ho per te 10 punti che ti aiuteranno a migliorare l’esperienza di quelli che, come me, organizzano corsi ed eventi formativi.

 

1 – ASSETTO DELLA SALA NELLA DISPOSIZIONE INDICATA

icona disposizioneSpesso, quando mi reco nelle location, mi trovo la disposizione dei tavoli sbagliata. Per esempio, una volta, nel momento della prenotazione, avevo avevo richiesto espressamente la disposizione a platea. Una volta arrivato nella sala meeting ho scoperto che i posti erano disposti a ferro di cavallo.

Quando un docente arriva sul luogo del corso non ha tempo da dedicare alle cose che dovrebbero essere già a posto. Infatti, deve preparare il materiale, ripassare mentalmente quello che ha da dire… è un lavoro di concentrazione.

La mezz’ora prima dell’evento è una parte importante per non dire fondamentale per un docente.

Quindi, la prima cosa che vuole è trovare la sala con la giusta disposizione dei posti.

E poi, diciamocela tutta, sono andato nella location per insegnare, non per spostare sedie!

 

2 – UN AIUTO IN SALA MEETING

icona manoSpesso mi sento “abbandonato” dal personale e mi tocca fare tutto da solo.

Per questo, mi piacerebbe che qualcuno dell’hotel stia in sala con me almeno per 10 minuti per darmi le informazioni necessarie per usare l’attrezzatura quindi mi dia una mano a collegare il proiettore, a settarlo e così via.

Certo, è vero che molto spesso l’esperienza mi aiuta e quindi lo collego in autonomia.

A volte però ci sono problemi tecnici che non riesco a risolvere. Per esempio, quando il telecomando del videoproiettore non funziona bene, l’impianto audio è collegato diverso da come me lo aspetto, ci sono degli switch e interruttori da premere…

quindi arrivare lì e trovarsi un ammasso di cavi e cavetti senza avere qualcuno che ti aiuta a sbrogliare la matassa è davvero una rottura di scatole. Vorrei iniziare il corso senza rompicapi da risolvere e soprattutto senza dover girare per l’hotel alla ricerca di una persona che mi aiuti.

Inoltre, vorrei sbrigare le questioni tecniche il prima possibile perché mi fanno perdere un momento importantissimo: l’accoglienza degli ospiti.

Quando arrivano i partecipanti del corso, che siano 10, 20, 25 o anche 50, mi piace farmi trovare alla reception della location per dare loro il benvenuto.

Li accolgo salutandoli con una cordiale stretta di mano e converso un po’ con loro. Per esempio, chiedo come è andato il viaggio, oppure se c’è qualcuno da aspettare.

Questo mi permette di entrare subito in sintonia con i miei corsisti e stemperare la tensione.

Se invece devo stare in aula a smazzarmi i problemi tecnici, va a finire che mi ritrovo persone disorientate che vagano nella hall chiedendosi dove si è cacciato il docente. Quindi il corso parte subito con il piede sbagliato. I partecipanti iniziano il corso con un atteggiamento ostile. Ti assicuro che insegnare in queste condizioni non è per nulla piacevole!

 

3 – UN AIUTO PER IL TRASPORTO DEL MATERIALE DIDATTICO

icona carelloA volte arrivo con l’auto, parcheggio e ho un bel po’ di materiale da scaricare: gli altoparlanti, il computer, il block notes, le attrezzature per il team building ecc.

Sarebbe molto gradita la mano di qualcheduno per scaricare e ricaricare il materiale con un carrellino.

Mi serve un aiuto prima di iniziare perché ovviamente mi reco nella location prima di tutti i partecipanti, quindi sono sostanzialmente da solo. Se poi è la prima volta che mi reco nella location, mi trovo con tutta la roba in mano e non so nemmeno dove andare!

Mi serve un aiuto anche alla fine perché i partecipanti che sono andati, devo riassettare le mie cose. Quindi mi trovo di nuovo da solo e in più sono stanco per la giornata di lavoro. Sarei molto lieto se ci fosse un addetto che alla fine del corso mi viene a chiedere se ho bisogno di una mano a portare via le attrezzature dalla sala.

 

4 – MATERIALE AUSILIARIO

icona spinaUna cosa che non trovi quasi mai è l’adattatore dal computer Apple al proiettore. So di non essere l’unico ad avere un Mac, specie in questi ultimi tempi in cui le vendite di prodotti Apple sono letteralmente esplose. Per cui la necessità di avere adattatori per il Mac non è più una eccezione.

Certo, molti docenti che usano prodotti Apple, dopo qualche brutta sorpresa, hanno pensato bene di procurarsi un adattatore personale. Sta di fatto che se fossero le location ad offrirlo come parte dell’attrezzatura sarebbe cosa gradita.

Per esempio, mi è capitato recentemente di tenere una conferenza a Villa Amistà. Non ho aperto bocca…  l’addetto come ha visto il computer mi ha portato l’adattatore! Questo è un punto in più che fa la differenza.
Ovviamente l’adattatore Apple è solo uno dei tanti supporti di cui ci sarebbe bisogno. Adattatori, prese, riduzioni… ce n’è per tutti i gusti!

Certo, ora non pretendo che gli hotel con sale meeting si trasformino in store di prodotti informatici, ma a volte mancano anche le cose più basilari. Non sai quante volte sono arrivato in location e ho scoperto con orrore che mancava la ciabatta per le prese elettriche. Ma come si fa a non averla già in sala?

Non mi fermo qui. A volte mancano persino i pennarelli per la lavagna a fogli mobili. Se non ho i pennarelli non posso usare la lavagna, allora a che mi serve?

 

5 – WELCOME COFFEE

icona caffeQuando organizzo i miei corsi in hotel mi fa un grosso piacere vedere comparire una signora con la moka che chiede a me e ai miei corsisti: gradite un caffè?

Sembra una sciocchezza, ma questo semplice gesto dà un senso di intimità.

Caffè vuol dire benvenuto.

Cosa faccio quando un mio amico viene a trovarmi a casa mia? Ovviamente gli porto un caffè. Quindi, caffè significa: sei a casa mia, ti ospito.

Per cui questa è una cosa che veramente gradirei trovare in una location.

 

6 – COFFEE BREAK CON LA FRUTTA

icona fruttaUno dei problemi che abbiamo noi docenti in aula è che la gente, quando fa il break, va al buffet e si ammazza di cibo perché “tanto è gratis”.

L’effetto collaterale dell’abbuffata è che alla fine me li ritrovo in aula mezzi addormentati. Non ci vuole molto ad intuire che questo non va bene per l’attività didattica… soprattutto se gli sbadigli non sono causati dal relatore!

Scherzi a parte, è molto fastidioso tenere una lezione quando la gente appare assonnata a prescindere dai contenuti e dallo stile di insegnamento.

Quindi mi piacerebbe trovare coffee break senza brioche, pastafrolle e succhi in cartone (che sono terribili per la concentrazione). Meglio che spendi di più per spremute, frutta fresca, macedonia, acqua fresca e tutti quegli alimenti che mantengono le persone leggere dando liquidi e zuccheri semplici che si digeriscono subito.

Così il sangue rimane bello fluido e tutti rimangono belli svegli per seguire le mie lezioni!

 

7 – NO ALCOL  

icona alcoliciVorrei che le comunicazioni riguardati il pranzo avvengano in accordo con il docente.

Infatti, una delle problematiche che incontro più spesso è la corruzione degli addetti alla cucina. Molti miei corsisti riescono ad ottenere il vino a pranzo più o meno di nascosto da me.

Ora, non è che ci sia qualcosa di male nel bere un bicchiere di vino a pranzo. Il problema è che l’alcol non viene ben digerito. Lo stomaco non ha gli enzimi per digerirlo, quindi inizia a faticare, dando un senso di sonnolenza.

Ora sai perché mi fa incavolare quando i partecipanti chiedono il vino e i gestori della location glielo portano come se fosse una cosa normale.

Sembrerà un gesto di ospitalità dovuto al cliente, ma in realtà manda la didattica a farsi benedire.

Per cui apprezzerei che gli accordi riguardo gli extra durante il pranzo vengano concordate con il docente o il responsabile. Insomma, se io dico “no vino in tavola” non lo porta nessuno. Fine della storia!

 

8 – PRANZI VELOCI

icona pastoUna delle problematiche principali di un corso di formazione è la gestione del tempo.

La gente per natura tende a disperdersi durante le pause. Già dopo 10 minuti di coffee break devo fare la parte del pastore che recupera il gregge disperso. Durante il pranzo questa dispersione è ancora più evidente.

Dopo avere mangiato un boccone ci sono quelli che sono andati in bagno, gli altri che sono usciti per fumare una sigaretta… poi iniziano tutti a fare quattro chiacchiere e si dilapida un sacco di tempo.

Quindi per il bene della didattica è importante che i pasti siano frugali, veloci e che e diano energia senza appesantire.

Mi piacerebbe fare il corso in una location in cui sia disponibile un menu studiato apposta per per mantenere attivi e vivaci i partecipanti ai corsi di formazione.

 

 

9 – CONNESSIONE INTERNET FUNZIONANTE

icona wifi Nella didattica a volte capita di doversi collegare a Internet ad alta velocità. Magari per mostrare un video, delle immagini o altre risorse online. Spesso ci sono testimonial importanti da chiamare in Skype per una videoconferenza.

Più di una volta mi è capitato di ritrovarmi in aula e dire: ora vi faccio vedere alcuni siti che sono punti di riferimento per il settore… 

… e poi scoprire che non va la connessione internet, con i partecipanti che mi guardano come per dire: allora? Che aspetti? 

Ti assicuro che è una situazione molto sgradevole.

 

10 – Carta, penna, acqua

icona pennaCioè i servizi basilari da trovare in sala meeting.

A volte mi capita di non portarli, dando per scontato di trovarli in sala. E purtroppo, alcune volte ho scoperto all’ultimo momento che non c’erano.

Forse ti potrà sembrare una cosa di poco conto, ma se a 20 persone mancano carta e penna tenere un corso diventa un grosso problema.

 

 

Hai letto bene questi 10 punti?

Se hai risposto di no, torna indietro e rileggi! Ti serviranno per rendere felici quelli come me quando verranno a fare un corso nella tua location. E come ben sai, clienti felici si tramutano facilmente in clienti ricorrenti!

Fabrizio Cornalba

Scopri le migliori location per sale meeting ed eventi in tutta Italia!

Salva

Fabrizio Cornalba

Fabrizio Cornalba

Ebook Meeting Hub

Inserisci i tuoi dati e riceverai gratuitamente via mail l'Ebook completo.

Ben fatto! A minuti riceverai via mail l'Ebook!
Oh oh! qualcosa è andato storto! Riprova più tardi!

Articoli Correlati