Meeting Hub Meeting Hub blog

Numero Verde - Assistenza Clienti

800 082 840

Brand ambassador: chi è e cosa può fare per la tua azienda Ovvero come aumentare le vendite restando al passo con i tempi

Quella del brand ambassador è una figura sempre più richiesta dalle aziende di tutto il mondo. Ma chi è? E quali vantaggi può offrire al tuo business? Scopri tutto in questo articolo!

Lo so, le nuove tendenze in fatto di marketing e comunicazione sono tante e complesse, e spesso si aggiornano prima che riusciamo a inquadrarle per bene. Ma non è un buon motivo per restare indietro…

Alcune novità valgono davvero la pena di essere conosciute, e non di essere conosciute quando ormai i tuoi concorrenti le stanno sfruttando a tuo discapito. Non vorrai poi dover provare a inserirti in un ambiente dove tutti sono già forti, vero?

Bene, una delle novità di cui interessarsi assolutamente è quella del brand ambassador. Entrato negli ultimi anni a far parte delle nuove leve del marketing strategico, è già una risorsa importante per centinaia di aziende italiane. Vediamo insieme chi è e cosa fa.

Chi è il brand ambassador?

L’ambasciatore del marchio è un professionista del marketing strategico che si occupa di promuovere attivamente l’azienda e i suoi prodotti. È un esperto del settore, del brand e dei principali concorrenti che con la sua testimonianza diretta aumenta la brand awareness e attira nuovi clienti.

È un professionista che viene retribuito per il suo lavoro, e che può far parte stabilmente della tua divisione marketing (come accade per le aziende medio – grandi) oppure essere un libero professionista che lavora con te solo per un periodo.

brand ambassador instagram

Differenze con testimonial, influencer e brand advocate

Prima di continuare voglio distinguere brevemente il brand ambassador dalle figure promotrici con le quali è più spesso confuso. Vediamo le principali:

  • Testimonial: è generalmente un VIP del settore (ad es. sport, alimentazione, make-up) ingaggiato e pagato per una specifica campagna pubblicitaria. Si pensa che possa influenzare positivamente il pubblico, ma non è importante che usi davvero i prodotti che pubblicizza.
  • Influencer: gli “influenzatori” sono giovani esperti di web e di web marketing che diventano famosi all’interno di una cerchia più o meno ristretta di persone. Il loro ruolo non è di pubblicizzare o vendere prodotti, ma vengono “sfruttati” allo scopo perché hanno visibilità. Nella maggior parte dei casi accettano di parlare di un prodotto solo dopo averlo provato ed essersi trovati bene.
  • Brand advocate: si tratta nient’altro che di un cliente particolarmente soddisfatto che, su base volontaria, promuove la marca con testimonianze dirette e passaparola positivi.

Il brand ambassador invece è un esperto di marketing e di mercato che, dietro compenso, promuove attivamente tutti gli aspetti commerciali del marchio.

Quali sono le sue caratteristiche?

Non tutti i semplici appassionati possono diventare efficaci brand ambassador. Questi promotori hanno caratteristiche particolari che li aiutano a svolgere efficacemente un lavoro piuttosto difficile. Se stai pensando di affidarti a un brand ambassador dovresti analizzarle e tenerne conto. Vediamole brevemente insieme:

  • Hanno profonde conoscenze di marketing e di marketing strategico, spesso acquisite in ambito universitario ma sempre in aggiornamento. Durante un colloquio, potresti chiedere al tuo potenziale ambasciatore se frequenta corsi di formazione e aggiornamento: in un mondo che si muove così rapidamente è fondamentale!
  • Sono dei veri esperti del settore. Le loro conoscenze possono partire da interessi e passioni (ad es. per la musica, per il free climbing, per la ristorazione), ma devono consolidarsi con studi approfonditi e continuativi. È importantissimo, ad esempio, che un B.A. usi personalmente i prodotti dell’azienda e li confronti con altri. Un bravo professionista sa tutto anche sui principali concorrenti!
  • Sono ben inseriti nella comunità di riferimento, e hanno una rete rilevante di contatti e conoscenze. È naturale che il miglior brand ambassador di Kiko sia una ragazza che ama truccarsi, che conosce la chimica e che ha tante conoscenze nel mondo del make-up e dell’estetica. In più, essere immersi in prima persona nel mercato di riferimento permette loro di conoscere davvero il pubblico.
  • Hanno un’ottima conoscenza del web e dei new media. I migliori ambasciatori di marchio sono costantemente presenti sui social media, sono sempre aggiornati sulle ultime tendenze del settore (anche estere!) e sanno bene come trarre il meglio dal mondo digital.

Se l’ambasciatore che stai pensando di reclutare per il tuo marchio ha queste caratteristiche, vai sul sicuro.

Brand ambassador: cosa fa?

Bene, inquadrata questa figura professionale possiamo occuparci del suo ruolo all’interno dell’azienda. Come già accennato, il suo compito principale è quello di migliorare l’immagine del brand, creare comunità positiva intorno ad esso e (soprattutto) procurargli nuovi clienti.

Ma come fa?

Qui entrano in gioco le approfondite conoscenze di marketing di questa figura. Vediamo come si svolge la maggior parte delle sue giornate.

Lavoro d’ufficio

  • Sulla base delle sue conoscenze del mercato, dell’azienda, dei competitor e del pubblico propone attivamente nuove strategie di marketing.
  • Partecipa direttamente alle attività quotidiane della divisione vendite, fornendo agli esperti un punto di vista più vicino a quello del pubblico.
  • Monitora l’andamento del marchio e la sua evoluzione in rapporto al mercato in generale. Si occupa di analizzare i cambiamenti del settore e di adeguare le azioni dell’azienda.
  • Organizza eventi promozionali, scegliendo modi e tempi a seconda del contesto.

brand ambassador traduzione

Lavoro sul campo

  • Molto spesso frequenta i punti vendita (ad es. shop, ristoranti, hotel etc.) e analizza sul campo il pubblico di riferimento e il suo rapporto con il marchio.
  • Crea rapporti diretti con pubblico fornendo testimonianze, proponendo dimostrazioni e (soprattutto) facendo domande sulle loro esperienze. Un tempo l’azienda puntava tutto sui propri prodotti, ma oggi non può più permetterselo: il cliente va conosciuto e tenuto in grande considerazione!
  • Forma il personale di vendita sulla base delle sue competenze, suggerendo come e quando assistere il cliente per ottenere risultati positivi nelle vendite.

Lavoro autonomo

  • Frequenta assiduamente le piattaforme digital e social legate al marchio, analizza umori, opinioni, tendenze e comportamenti comuni tra il pubblico.
  • Sfrutta la sua influenza sociale per promuovere attivamente i prodotti con recensioni, video, passaparola digitali di ogni tipo. La sua opinione è autorevole perché si basa su un vero utilizzo, ripetuto nel tempo e comparato ai concorrenti.
  • Fa da tramite tra l’azienda e il pubblico di riferimento. Ciò significa chiedere feedback ai clienti, rispondere a eventuali contatti, “esserci” in prima persona per rappresentare il marchio.

Quali vantaggi porta all’azienda?

Ora che conosci meglio questa figura sono sicura che sei curioso di sapere quali vantaggi può portare al tuo business. Iniziamo col dire che il brand ambassador non è per tutti: se non hai un rapporto diretto con il tuo pubblico (ad esempio, se fai B2B) potrai trarre scarsi vantaggi da questo tipo di marketing.

Ma se la tua attività vive anche di immagine pubblica, se i tuoi clienti aumentano o diminuiscono a seconda della tua reputazione reale e digitale (la maggior parte dei casi!), allora un ambasciatore di marchio potrà esserti davvero utile.

Ecco quali sono i principali vantaggi che può offrirti:

Acquista
Il Meeting Perfetto
su

ACQUISTA

  • Ampliare il tuo pubblico. Se ha tutte le caratteristiche necessarie, la sua presenza e le sue azioni avranno risonanza presso il tuo pubblico e quelli affini. Se lui piace alla sua nicchia, questa a sua volta passerà parola ad altre centinaia di migliaia di persone, portandoti “in casa” nuovi curiosi.
  • Farti percepire positivamente. Mettendoci la faccia e avendo contatti con il pubblico in prima persona, migliora la percezione della marca che così sarà “sentita” accessibile, vicina al pubblico e pronta a confrontarsi.
  • Conferirti autorità. Fornendo opinioni comprovate e offrendo informazioni concrete (supportate da dati) il brand ambassador aumenta la sua (e la tua!) autorevolezza nel campo. Così non sarai solo chi vende il prodotto: sarai l’esperto.
  • Aumentare le vendite. È l’effetto finale di tutto questo lavoro e uno degli obiettivi principali, no? 😉

Come trovare un brand ambassador

Prima abbiamo visto come scegliere un ambasciatore aziendale qualificato. Come si fa, però, a trovarne uno? Ci sono due possibilità: fare da sé o affidarsi a un’agenzia.

Se vuoi muoverti autonomamente, il lavoro che dovresti iniziare a fare è di analisi del tuo pubblico di riferimento: cosa si dice? Quali sono le novità? A chi si chiede quando si ha un dubbio?

Tutte queste informazioni sono fondamentali per scovare, se ci sono, quelle personalità di spicco del settore a cui la maggior parte delle persone si rivolgono. Nel mondo dell’elettronica, ad esempio, la maggior parte degli utenti guarda da 5 a 10 recensioni prima di acquistare un prodotto. Scopri chi fa queste recensioni, chi è davvero autorevole e chi ha meritato la fiducia del pubblico: quello è il tuo prossimo brand ambassador.

Se invece vuoi risparmiarti un po’ di lavoro e affidarti a un’agenzia di professionisti, non dovrai fare altro che trovarne una nella tua zona e descriverle le tue esigenze. Hostess&Promoter, ad esempio, lavora in tutta Italia e raccoglie un enorme numero di giovani professionisti del marketing, tra cui molti ambasciatori di marchio dei settori più disparati.

brand ambassador

Una volta inquadrata la tua azienda e le sue necessità, sapranno consigliarti degli ottimi ambasciatori che ti affiancheranno nei tuoi progetti. Se usato continuativamente, questo mezzo promozionale può portare davvero degli ottimi risultati. Provare per credere!


Bene, adesso il mondo dei brand ambassador non ha più segreti per te.

Nessuno conosce la tua azienda, il tuo settore e il customer journey del tuo pubblico meglio di te: con tutte queste informazioni ti sarà facile stabilire se un ambasciatore di marca può esserti utile.

Se l’articolo ti è stato utile, condividilo con amici e colleghi e aiuterai anche loro 🙂 grazie!

Sofia Nodari


meetinghub

Inserisci i tuoi dati e riceverai gratuitamente via mail l'Ebook completo.

Ben fatto! A minuti riceverai via mail l'Ebook!
Oh oh! qualcosa è andato storto! Riprova più tardi!
Free WordPress Themes, Free Android Games

Send this to a friend