Sei alla ricerca di un’attività di Team Building diversa dal solito? In quest’articolo ti voglio parlare del canyoning, uno sport ancora poco conosciuto ma perfetto per un evento aziendale all’insegna del divertimento.

Adrenalinico, divertente, spettacolare, emozionante. Non ci sono altri termini per descrivere il canyoning, uno sport acquatico relativamente giovane ma già in grado di contare numerosi appassionati in Italia e nel mondo.

Canyoning: dove e come si pratica

canyoning torrentismoConosciuto anche con il termine di torrentismo, viene praticato in montagna o nelle zone fluviali e consiste nella discesa delle cosiddette forre, quelle gole che l’acqua ha scavato nella roccia con il suo incessante passaggio nel corso dei millenni.

A differenza di altre discipline acquatiche quali rafting, barca a vela e kayak, il canyoning non richiede l’utilizzo di alcun mezzo: niente gommone e niente barca, devi contare solo sulla forza di gambe e braccia.

Va da sé che una buona preparazione fisica può aiutarti nell’affrontare un ambiente per natura ostile come quello delle forre, caratterizzate da anguste pareti di roccia percorse dalla corrente dei torrenti.

Ciò significa che i poltronati doc farebbero meglio a rinunciarvi sin da subito? Assolutamente no, non serve essere degli sportivi incalliti per praticare quest’attività.

Il canyoning è una disciplina adatta a tutti, dalle famiglie ai gruppi di amici più spericolati. Basta avere un grande spirito d’adattamento, almeno 10 anni d’età, non temere l’acqua e, ovviamente, scegliere il percorso più adatto in base al proprio livello d’esperienza.

Ebook Meeting Hub

Cerchi la location perfetta?

Scarica L’ebook

Le forre, infatti, non sono tutte uguali. Si va da quelle semplici e meno tortuose, adatte anche per i principianti alla prima esperienza, a quelle più estreme, percorribili solo da torrentisti esperti.

Torrentismo: attrezzatura e svolgimento

attrezzatura torrentismoAnche se il torrentismo non è uno sport estremo al livello del parapendio e del bungee jumping, richiede comunque una certa dose di prudenza e attenzione oltre che un’attrezzatura specifica.

Chi si appresta ad affrontare una forra deve essere munito di:

  • Muta e calzari in neoprene
  • Caschetto da speleologo
  • Scarponi da escursionismo
  • Imbragatura, moschettoni e discesore
  • Corde idrorepellenti
  • Giubbotto salvagente

Come puoi notare, si tratta di un tipico equipaggiamento d’alpinista, adattato all’ambiente idrico che caratterizza il canyoning.

Una volta in possesso di tutta l’attrezzatura necessaria, che solitamente viene fornita da centri specializzati, sei pronto per andare alla scoperta di bellissimi luoghi incontaminati e discendere il corso dei torrenti fino alla foce.

Ma quali sono gli ostacoli che ti troverai di fronte durante il percorso?

Principalmente avrai a che fare con:

  • cascate
  • laghetti
  • salti di roccia

Per superarli dovrai nuotare, tuffarti, percorrere i cosiddetti toboga, cioè gli scivoli naturali creati dall’azione levigante dell’acqua sulla roccia, oppure calarti con corde e imbragatura.

Insomma, il torrentismo è uno sport che fonde elementi tipici del trekking, dell’alpinismo e della speleologia, un mix di forza fisica, tecnica e adrenalina.

Non pensi che possa essere un’ottima attività di Team Building? Un’esperienza unica con la quale far ritrovare alla tua squadra la coesione perduta?

Prova a immaginare la scena: un luogo in cui gli individualismi e le ostilità devono essere messi da parte a favore del gioco di squadra e un gruppo di colleghi che per portare a termine la missione è costretto a collaborare.

Non ti pare che la situazione in forra rappresenti metaforicamente quella in azienda?

Per chiarirti le idee voglio farti guardare questo video. Ti accorgerai di come il canyoning possa rappresentare una soluzione innovativa per il tuo evento aziendale.

Allora sono riuscita a convincerti?

Vediamo ora quali sono i luoghi più adatti per praticarlo.

Dove fare canyoning in Italia

1. Canyoning Lago di Garda

A causa della sua peculiare posizione geografica, il Lago di Garda è la cerniera tra le 3 regioni italiane in cui il torrentismo è maggiormente praticato: Lombardia, Veneto e Trentino Alto Adige.

Non importa quale sponda si prende in considerazione, il canyoning sul Lago di Garda rappresenta un’attività molto fiorente al punto che numerosi sono i gruppi di professionisti che organizzano discese di ogni tipo e difficoltà.

Uno di questi è capitanato da Davide Brighenti, guida alpina e maestro di sci alpino, che insieme ad altri colleghi  si è specializzato in canyoning tour giornalieri, praticabili da maggio a ottobre.

Per saperne di più ti basta andare su GardaCanyon e selezionare la prima voce che compare nel menu del sito.

Canyon lago di Garda

Potrai scegliere tra vari percorsi di diversa difficoltà, situati su tutte e 3 le sponde del lago:

  • Storo – Val di Ledro (sponda trentina): percorso adatto a tutti, di difficoltà media e della durata di 4 ore
  • Tignale (sponda bresciana): percorso di media difficoltà e della durata di 3 ore, ideale da affrontare a inizio stagione
  • Vajo dell’Orsa – Integrale (sponda veneta): percorso più impegnativo, della durata di 7 ore e adatto a chi ha già fatto canyoning

Ce n’è veramente per tutti i gusti, non credi?

A te basterà portare un costume, una t-shirt e un paio di scarpe comode. Ci penseranno le guide alpine poi a fornirti in loco tutta l’attrezzatura necessaria per la discesa.

Torbole

Tra le molte località del Garda adatte al torrentismo ce n’è una che si distingue per gli incantevoli paesaggi offerti e per le sue discese emozionanti. Sto parlando di Torbole, comune di Trento letteralmente affacciato sul lago.

Se vuoi praticare canyoning a Torbole ti consiglio di dare un’occhiata alle discese organizzate da Canyon Adventures, la più grande compagnia del Garda specializzata al 100% in questa disciplina.

Basta andare sulla home page del loro sito e cliccare sulla voce corrispondente nel menu in basso.

Canyoning Torbole

Puoi scegliere tra un’infinità di percorsi di diversa difficoltà, durata e prezzo. Si va dai 75 euro del Bueno Canyoning, semplice e ideale per le famiglie, ai 150 euro del Jurassik Full Canyoning, molto lungo, tecnico ed impegnativo.

Tra questi 2 estremi ci sono poi altri percorsi di difficoltà intermedia, ognuno dotato di un programma specifico consultabile selezionando la dicitura tour di canyoning che compare posizionando il cursore sulla seconda voce del menu.

Oltre ai bellissimi luoghi già citati, è da segnalare anche la possibilità di fare canyoning a Riva del Garda, comune del Trentino situato poco più a nord di Torbole ma sempre sulle sponde del lago.

Non sei elettrizzato all’idea di scivolare su rocce scolpite, tuffarti in acque cristalline e calarti da maestose cascate?

Se hai intenzione di organizzare un’attività di Team Building diversa dal solito, che ti permetta di entrare in contatto diretto con la natura incontaminata, non puoi lasciarti sfuggire l’occasione di sperimentare il canyoning sul Lago di Garda.

2. Canyoning Lombardia

Dalle sponde del Lago di Garda spostiamoci ora a nord-ovest, in un’ altra area molto frequentata da chi pratica canyoning in Lombardia.

Sto parlando del Lago di Como e di Lecco, località che solitamente sono associate più a lunghi campeggi e a gite estive che a tour di torrentismo. Eppure i canyon da scoprire in questa zona sono numerosi e tutti bellissimi.

Non ne hai mai sentito parlare?

Vai a dare un’occhiata al sito delle Guide Alpine del Lario e delle Grigne. Clicca prima sulla voce attività del menu e poi sulla sezione canyoning per scoprire quali sono le discese organizzate da questo gruppo di professionisti.

Canyoning Lombardia

Le proposte di canyoning a Como e Lecco prevedono percorsi magnifici e di difficoltà diversa. Ce n’è veramente per tutti i gusti, impossibile non trovare quello più adatto al proprio livello d’esperienza:

  • Perlana (livello facile): canyon il cui attraversamento prevede il passaggio in una grotta con stalattiti completamente buia e lo scivolamento su uno dei toboga più belli d’Europa (65€)
  • Esino – Varenna (livello facile): canyon corto ma divertente (60€)
  • Lesina (livello medio): canyon situato appena sopra Delebio, caratterizzato da un ambiente selvaggio e da alcuni passaggi tecnici (70€)
  • Boazzo (livello medio): canyon situato sopra Lecco, piuttosto lungo e parecchio tecnico (70€)

Lo staff ti fornirà tutta l’attrezzatura necessaria in loco, tu devi solo ricordarti di portare un costume da bagno, un asciugamano e degli abiti asciutti. Facile, no?

Val Bodengo

Oltre alle sponde del Lago di Garda, Como e Lecco c’è un’altra località che merita di essere nominata per quanto riguarda il canyoning in Lombardia.

Sto parlando della bellissima Val Bodengo, vero e proprio angolo di paradiso che regala panorami mozzafiato e acque limpidissime, un prezioso diamante incastonato tra le montagne di Sondrio.

I percorsi di questa valle sono tra i più conosciuti del Nord d’Italia, al punto che ogni anno attirano appassionati di torrentismo addirittura da tutta Europa.

Se non vedi l’ora di lanciarti alla scoperta di luoghi nascosti sfidando la natura incontaminata puoi rivolgerti allo staff di Val Bodengo Canyoning, specializzato nell’esplorazione e nella discesa dei torrenti della zona.

Canyoning Val Bodengo

Puoi scegliere tra 4 percorsi di diversa durata e difficoltà. Si va dal corso base, adatto per coloro che si cimentano per la prima volta col torrentismo, alla discesa integrale di un canyon lungo e faticoso, ideale solo per chi ha già esperienza.

I componenti del tuo team aziendale temono di non essere all’altezza della missione?

Niente panico, puoi dire loro che le guide alpine saranno sempre al vostro fianco durante la discesa per darvi preziosi consigli su come muoversi in forra, spiegarvi le manovre da compiere e assicurarsi che tutto avvenga nella massima sicurezza.

3. Canyoning Trentino

Il Trentino Alto Adige insieme alla Lombardia è la regione più adatta per praticare canyoning in Italia, grazie alla presenza di percorsi unici offerti da torrenti famosissimi come il Palvico, il Rio Nero e il Tignale.

Prova a prendere una cartina e a collegare con una linea la Val di Sole, Trento e Storo. Che cosa ottieni?

Un triangolo. Ebbene, l’area compresa in quella figura geometrica è una delle zone più frequentate e amate dagli appassionati del canyoning in Trentino. 

Il polo che esercita il fascino maggiore è sicuramente la Val di Sole, vicinissima a Dimaro, dove ha sede uno dei centri di torrentismo tra i più famosi e qualificati d’Italia.

Val di Sole

Se stai cercando il luogo ideale in cui poter organizzare un evento aziendale di  canyoning in Val di Sole, ti consiglio di rivolgerti al Rafting Center di Dimaro.

L’esperienza trentennale che lo staff possiede nelle discese di qualsiasi tipo di torrente è una garanzia, soprattutto se sei alla prima esperienza e non hai la minima idea di cosa ti troverai ad affrontare.

Canyoning Val di Sole

Avrai a disposizione 3 percorsi tra cui scegliere:

  • Canyoning San Biagio: discesa situata a soli 5 minuti dal centro di Dimaro. E’ il percorso perfetto per i principianti e ha un costo di 65€
  • Canyoning Palvico: una forra stupenda riconosciuta come uno dei percorsi più belli d’Italia. Dista 1 ora e mezza dal centro e ha un costo di 75€
  • Canyoning Brenta: bellissimo percorso panoramico di canyoning nelle Dolomiti, molto acquatico e abbastanza impegnativo. Non è adatto a chi soffre di vertigini, visto che per superare gli ostacoli naturali sarai costretto a tuffarti da un’altezza massima di 12 metri. Ha un costo di 99€.

Hai individuato il percorso più adatto al livello del tuo team? Bene, allora sei pronto per vivere sulla tua pelle tutte le emozioni che solo una discesa di canyoning in Trentino può regalarti.

Ah, ancora una cosa.

Se sei uno che ama filmare tutte le esperienze che vive per poi archiviarle in una memoria virtuale, ti avviso che il Rafting Center di Dimaro consente di noleggiare gratuitamente una GoPro.

Tutto ciò che devi fare è consegnare un documento d’identità e comprare una scheda sd, che poi diventerà tua. E voilà, con un clic potrai rivivere quelle emozioni tutte le volte che vorrai.

4. Canyoning Piemonte

I numerosi torrenti presenti nelle Alpi a nord di Torino rendono il Piemonte una delle regioni più frequentate dagli amanti del canyoning.

C’è però una zona in particolare che più delle altre è da tenere in considerazione per chiunque abbia intenzione di praticare questo sport acquatico.

Sto parlando della Valsesia, una valle alpina che occupa la parte settentrionale della provincia piemontese di Vercelli.

Valsesia

In Piemonte pullulano i team di professionisti specializzati nella discesa di torrenti di qualsiasi tipo e difficoltà.

Se vuoi scoprire il fantastico mondo del canyoning in Valsesia ma non sai a chi rivolgerti, ti consiglio di visitare il sito web di Sesia Rafting, un’associazione che si pone l’obiettivo di far conoscere le attività fluviali al maggior numero di persone possibili.

sesia rafting piemonte

Non preoccuparti, non serve essere socio per partecipare alle numerose attività organizzate dall’associazione. E il canyoning non fa eccezione.

Basta recarsi al centro di Vercelli e concordare insieme alle guide specializzate il percorso più adatto in base al tuo livello d’esperienza. Una volta ricevuta l’attrezzatura necessaria, sei pronto per lanciarti in discese divertenti ed emozionanti.

Ecco quali sono i percorsi offerti da Sesia Rafting:

  • Gole del Sesia: è una discesa ideale per i neofiti della disciplina, che comprende un facile percorso fluviale e piccoli tuffi (60€)
  • Sorba: è un percorso spettacolare di difficoltà intermedia, che prevede una lunga discesa su un toboga di 6 metri e tuffi alti fino a 10 metri (60€)
  • Artogna: percorso impegnativo che prevede alcune calate su corda, ideale per i più esperti. Ti ritroverai in forre di rara bellezza e potrai percorrere toboga lunghi addirittura 50 metri. La discesa dura una giornata intera, motivo per cui è previsto un breve spuntino lungo il tragitto (80€)

Non male, vero?

Se hai intenzione di far vivere ai tuoi colleghi un’esperienza unica che li porterà a visitare paesaggi magici, organizza subito un tour di canyoning in Valsesia. Divertimento e adrenalina sono assicurati.

5. Canyoning Lazio

Il territorio montuoso dell’Italia del nord con le sue magnifiche forre nascoste e inesplorate è l’habitat ideale per tutti gli appassionati di torrentismo, sarebbe inutile negarlo.

In realtà anche le regioni del centro non sono da meno e offrono la possibilità di praticare questo giovane sport acquatico in modo più che soddisfacente.

Ne è un esempio il successo ottenuto dal canyoning nel Lazio, in particolare grazie a due percorsi adatti anche ai principianti: il Fosso di Riancoli a Rieti e il Fosso di Santopadre a Frosinone.

Nuotate vicino alle cascate, tuffi, toboga e calate su corda, insomma tutto quello che ti aspetteresti da un’attività di torrentismo ma a un livello accessibile a tutti.

Non sai a chi rivolgerti?

Il Centro Rafting Vivere l’Aniene con sede a Subiaco organizza bellissimi percorsi di canyoning nel Laghetto di San Benedetto, che è stato attrezzato proprio in ottica torrentistica.

Canyoning Lazio

Ad un costo di 39€ a persona ti sarà concesso di scegliere tra 2 percorsi, uno molto facile e un altro più difficile.

Il primo è situato sul lato destro del lago ed è accessibile a tutti, anche coloro che non hanno mai disceso un torrente. Il secondo, invece, è molto tecnico e ideale per gli esperti della disciplina.

Il Laghetto di San Benedetto a Subiaco è un cristallino specchio d’acqua circondato da salici e pioppi, che ogni anno attira turisti da tutta Italia.

Cosa aspetti a far vivere al tuo team un’indimenticabile esperienza di canyoning in questo luogo incantevole?

6. Canyoning Umbria

Quando si parla di torrentismo in Italia non si può fare a meno di menzionare una piccola regione che è diventata grande in tema di sport acquatici grazie alla presenza di numerose forre di rara bellezza.

Sto parlando dell’Umbria, terra dall’immenso valore storico e culturale, conosciuta in particolar modo per la Cascata delle Marmore, tra le più alte d’Europa.

Direi che non c’è luogo migliore di questo per vivere un’esperienza di canyoning in Umbria, non sei d’accordo?

Marmore

Se stai pregustando l’idea di esplorare una forra umbra insieme ai tuoi colleghi ma non sei sicuro di potercela fare, ti consiglio di rivolgerti al Centro Rafting Marmore dove potrai trovare percorsi di tutti i tipi e difficoltà.

Rafting Marmore

Le discese proposte sono 2, una di livello base e l’altra di livello avanzato:

  • Forra di Rocca Gelli: percorso poco impegnativo della durata di 2 ore più 30 minuti di trekking, adatto per i principianti
  • Forra del Casco: percorso più tecnico della durata di 4 ore più 1 ora di trekking, pensato per i più esperti e non accessibile ai minorenni

Tutta l’attrezzatura necessaria per la discesa ti sarà fornita dallo staff del centro, ad eccezione delle scarpe. Mi raccomando, lascia a casa le tue amate sneakers e porta un paio di scarponi robusti da escursionismo.

Allora, sei riuscito a trovare il percorso di canyoning adatto per una giornata di Team Building in compagnia della tua squadra?

Prima di lasciarti voglio ricapitolare insieme a te quello che devi ricordare sul torrentismo:

  • Non è uno sport estremo
  • Può essere praticato da tutti
  • Sfrutta le tecniche tipiche dell’alpinismo e dell’arrampicata per discendere i torrenti
  • E’ divertente, emozionante, adrenalinico
  • Permette di esplorare angoli di natura selvaggia e incontaminata

Tutto chiaro? Adesso sei veramente pronto per lanciarti nell’esplorazione delle bellissime forre offerte dal territorio italiano e per goderti al 100%  un’esperienza unica nel suo genere.

Se vuoi rimanere sempre aggiornato con il blog iscriviti alla nostra newsletter e potrai leggere altre interessanti notizie sulle migliori attività di Team Building e non solo.

Buon divertimento e alla prossima!