Avrai probabilmente già sentito parlare dei chatbot e ti sarai già chiesto cosa sono, a chi si rivolgono e perché sono così utili.

Per saperne di più leggi questo articolo: scoprirai quali sono i vantaggi di questi assistenti virtuali e come poterne creare uno!

Un tuo collega ti ha accennato di un certo strumento che segue i suoi clienti nell’organizzazione di eventi, il chatbot ma, quel giorno, mentre ti parlava la tua testa era altrove?

Ti capisco: hai tante cose a cui pensare ma, sai, quella conversazione avrebbe potuto essere davvero utile e capace di portare numerosi vantaggi a te e alla tua azienda!

Peccato, se solo lo avessi ascoltato! Niente panico, sei ancora in tempo per rimediare: leggi questo articolo!

Il mio consiglio è di cercare di stare sempre al passo con i tempi e di innovarti!

Quindi, non perdere tempo e prosegui nella lettura; ti spiegherò, nel dettaglio:

  • che cos’è un chatbot
  • i suoi vantaggi
  • come poterlo creare (e migliorare)

Carta e penna alla mano e via! Go on!

Chatbot: cosa sono

Prova a pensarci, la maggior parte delle persone trascorre il suo tempo libero (e non) con gli occhi fissi su uno schermo – smartphone o tablet che sia – e la comunicazione virtuale sta sempre di più dominando su quella reale.

Ho ragione, o no?

In questo contesto, prende piede un’idea interessante e innovativa, quella dei Chatbot, ovvero dei sistemi di AI (intelligenza artificiale) che fanno da mediatori tra azienda e cliente. Mi spiego meglio.

I chatbot (o chat bot) sono software, ideati per simulare una conversazione con gli utenti; sono dei veri e propri intermediari virtuali creati per aiutare le persone a risolvere determinati problemi in maniera efficace e veloce.

In che modo? Attraverso un sistema di messaggistica, una chat virtuale (da qui l’origine del loro nome).

ragazzi con tablet

Tutto chiaro? Ottimo! Immaginati la scena.

Se il tuo cliente, ad esempio, ha bisogno di informazioni ulteriori per organizzare un evento potrà, dal suo dispositivo (tablet, pc, smartphone, ecc.):

  1. attivare la chat con il tuo bot (cos’è un bot? bot sta per robot)
  2. fare delle domante al tuo assistente virtuale
  3. ricevere risposte in tempo reale!

Risultato? Un evento in più da organizzare per te, grazie al tuo bot, un assistente sempre disponibile a rispondere immediatamente alle richieste dei tuoi clienti!

L’essenza dei chatbot è proprio quella di aiutare le persone tramite una conversazione virtuale.

Cosa comporta la presenza di una chatbot?

Decisamente molteplici vantaggi:

  • risposta immediata ai tuoi clienti
  • soluzione istantanea ai dubbi dei tuoi utenti
  • conoscenza approfondita delle caratteristiche del tuo target (spiegherò in seguito in che modo)
  • più clienti, quindi maggiori introiti
  • minor lavoro per te nella gestione delle richieste

Pensa di avere un bot online, un assistente, sempre presente e autonomo, attivo 24h su 24, capace di dare ai tuoi clienti aiuto e risposte e, nello stesso tempo, capace di individuare preferenze, interessi ed età dei tuoi utenti.

Niente male, vero?

Varie tipologie di robot chat

Diciamo che, in realtà, le robot chat non sono nuovissime.

Già nel 2005, Ikea, azienda multinazionale specializzata in complementi d’arredo, aveva lanciato Anna, un’assistente virtuale capace di rispondere a quesiti su orari di apertura e chiusura, prodotti, prezzi, consegne, ecc.

chatbot su tablet

Devi sapere che esistono varie tipologie di chatbot, da quelli standard con un livello base e essenziale, con domande e risposte predefinite, fino a quelli più avanzati che consentono una vera e propria conversazione.

Ci sono, quindi, quelli che funzionano in base a delle regole ben precise e altri che, invece, usano tecniche di machine learning, ovvero l’apprendimento automatico.

I primi, quelli definiti in base a regole, sono tendenzialmente limitati, rispondono a comandi predefiniti e possono non comprendere quello che il cliente dice o richiede. Sono abili e intelligenti tanto quanto sono stati programmati per esserlo.

I chatbot caratterizzati da sistemi di machine learning sono, invece, versatili e flessibili: sono in grado di capire il linguaggio umano e non solo precisi comandi.

Questi ultimi imparano dalla interazioni con gli utenti, conversazione dopo conversazione, e sono capaci di diventare sempre più intelligenti (di conseguenza, sempre più utili).

Questi sistemi stanno sempre più prendendo piede; tra quelli in circolazione è probabile che tu conosca Siri, l’assistente virtuale per iPhone, iPad e iPod touch, o Ok Google, il chatbot creato per smartphone e tablet Android, o ancora Amazon Alexa.

Non mi dire! Ne vorresti avere anche tu uno? Seguimi nel prossimo paragrafo che ti spiego come fare!

amazon alexa chatbot

Come creare un chatbot

Questi bot, che offrono un servizio funzionale e di supporto, sono ideati e studiati, a tutti i livelli, dai programmatori.

Esistono però anche molti tool che permettono di ideare un chatbot senza scrivere nessun codice e senza conoscere il mondo della programmazione!

Le alternative per te, quindi, sono 2:

  • chiedere ad un programmatore esperto di crearti un’assistente virtuale (e di monitorarlo)
  • provare a far da te, utilizzando uno degli strumenti sotto riportati!

Ora ti indico i tool, semplici, completi e pronti per il tuo business, per creare i best chatbot!

Chatfuel ti darà l’opportunità di dare vita ad un vero chatbot con le funzioni più rilevanti (inserire risposte immediate, collegamenti a pagine web o altri contenuti, ecc.).

chatfuel per creare chatbot

Chatbots-builder è un chatbot italiano, il cui punto di forza è la semplicità di utilizzo.

Chiunque, grazie a questo tool e a pochi passaggi, è in grado di creare la propria chatbot, decidendo tra differenti funzioni disponibili.

chatbots builder

Sequel è uno strumento davvero utile.

Facilità di utilizzo e ampia gamma di tipologie di chatbot realizzabili (Storybot, Gamebot, Personalbot, ecc.) rendono questo tool davvero versatile e interessante.

Inoltre, la NPL, ovvero l’elaborazione del linguaggio naturale, permette di dare inizio a conversazioni decisamente più umane.

sequel sito per creare chatbot

Userbot è una delle piattaforme più innovative per la creazione di chatbot.

È un chatbot italiano che utilizza il deep learning, ovvero l’utilizzo dell’intelligenza artificiale per analizzare i messaggi.

Questo è anche il suo punto di forza: il tuo chatbot sarà in grado di individuare il problema, capire lo stato d’animo dei clienti e decidere in autonomia la risposta più idonea.

userbot sito per creare chatbot

Dialogflow è un tool davvero valido, ideale sia per inesperti che per programmatori, è caratterizzato da un supporto multi lingua.

Per creare il proprio chatbot bastano 3 semplici step.

Questo strumento si allenerà per te grazie alle tecniche di machine learning che gli permetteranno di migliorarsi.

dialogflow sito web sito per creare chatbot

Monitora il tuo assistente virtuale

Creare uno chatbot, ti permette vantaggi tangibili, come:

  • Dare risposte in tempo reale ai tuoi clienti
  • Possedere un assistente virtuale che lavora per te 24h su 24, 365 giorni all’anno
  • Avere un bot che apprende in autonomia e alla velocità della luce
  • Potenziare il customer service, la promozione di offerte, supportare le prenotazioni, ecc.
  • Possedere un servizio funzionale, capace di rispondere in tempi nulli in qualsiasi lingua!

Dopo aver dato vita al tuo chatbot, con l’aiuto o meno di un programmatore, sarà necessario il monitoraggio costante affinché non capitino incidenti di percorso (ad es., il bot che risponde in maniera inopportuna al tuo cliente!).

Come già detto in precedenza, il compito del tuo assistente sarà quello di aiutare i tuoi clienti: fa in modo che il tuo collaboratore utilizzi un linguaggio semplice, chiaro ed empatico!

Se il tuo chatbot sarà sempre controllato, i vantaggi saranno evidenti!

Rendi umano il tuo chatbot

Mettiti nei panni di un cliente che arriva alla tua pagina e vorrebbe avere maggiori informazioni o chiarire i suoi dubbi, la presenza di un chatbot freddo e glaciale potrebbe solo far innervosire o scappare il tuo cliente!

Diciamocelo: a nessuno piace parlare con un robot! Con l’aiuto di un sviluppatore, cerca di addestrare il tuo chatbot ad essere più umano ed empatico.

Rendi il tuo chatbot capace di instaurare un legame emotivo; la presenza di un bot più umano faciliterà l’interazione con i tuoi clienti!

Oltre alla presenza di un programmatore, che terrà sotto controllo il tuo bot, la presenza di un’amante della scrittura o un copywriter persuasivo potrebbe, invece, essere utile per comporre delle frasi maggiormente empatiche e umane, un plus decisamente notevole per il tuo assistente virtuale!

A differenza della comunicazione face to face, quella virtuale è molto fredda; l’aiuto di un professionista, che utilizza la punteggiatura esatta, un lessico opportuno e forme sintattiche adeguate, potrà contribuire a rendere il tuo chatbot meno bot!

Ai tuoi clienti non sembrerà di chattare con un robot! Tutto chiaro? Great!


Eccoci giunti alla fine di questo post! Innanzitutto, grazie per essere arrivato fin qua. Allora, dimmi un po’: questo articolo ti ha aiutato a saperne di più di questi chatbot e capire come creane uno?

Se si condividi o commenta cosa ne pensi! Se non sono stata chiara, fammelo sapere! Cercherò di rimediare!

Un ultimo consiglio (poi ti lascio davvero andare): iscriviti alla Newsletter di Meeting Hub: potrai ricevere tante utili  informazioni sul mondo degli eventi e sulle migliori location!

Alla prossima!