Numero Verde - Assistenza Clienti

800 082 840

Debriefing: cos’è e come si fa

Benissimo, hai organizzato un’attività di Team Building aziendale in tutti i suoi dettagli.

Ma c’è ancora qualcosa di importantissimo da organizzare oltre all’attività che avrai scelto: la sessione di debriefing!

In questo articolo voglio spiegarti come creare un debriefing di valore.

Quando avrai finito di leggere questo articolo saprai tutto a proposito di:

  • Che cos’è il debriefing
  • Come strutturare un debriefing
  • Quali sono le domande top da usare durante un debriefing
  • Qual’è il ruolo del mediatore
  • Dove organizzare un debriefing

Sei incuriosito, vero?

Che cos’è il debriefing

Il debriefing è l’ultima fase dell’attività di Team Building aziendale.

Aspetta…ma che cos’è il Team Building?

Ok, ripartiamo dall’inizio.

Il Team Building è un’attività  che permette di formare un gruppo e creare forti legami tra i colleghi.

Le attività di Team Building sono tra le più varie e disparate. Possono essere di stampo sportivo, ludico, o enogastronomico.

I partecipanti, che nella vita di tutti i giorni sono colleghi di ufficio e magari compagni di scrivania,  devono cimentarsi in una serie di attività di gruppo più o meno originali, con obiettivi precisi.

Ecco qualche esempio di attività di  Team Building:

Più le attività sono originali, più aiutano i dipendenti  a staccarsi dalla realtà aziendale e mettere più impegno nell’attività proposta!

Quali sono i vantaggi del Team Building

Nel corso di queste esperienze uniche, i tuoi dipendenti hanno la possibilità di:

  • conoscere meglio gli altri colleghi
  • intrecciare relazioni più strette, rispetto a quelle che condividono quotidianamente in azienda
  • mettere in gioco se stessi, superando le proprie paure e cimentandosi in attività sportive, adrenaliniche o comuque diverse dal contesto lavorativo quotidiano

Il Team Building permette di rimarcare diversi valori che ti stanno a cuore per il bene della tua azienda:

  • collaborazione tra dipendenti: per riuscire a fuggire da una escape room o arrivare primi al traguardo coi go kart, i dipendenti devono lavorare in squadra e aiutarsi a vicenda
  • motivazione: avere un obiettivo comune aiuta i partecipanti a dare il meglio di sè e a spronarsi a vicenda
  • focus sull’obiettivo: l’ambizione a vincere, o anche solo a portare a termine l’impresa, incentiva i partecipanti a impegnarsi al massimo

Per esempio le caratteristiche di leader potrebbero affiorare in qualcuno, in altri invece potrebbe maturare un forte senso di appartenenza al gruppo.

I colleghi, grazie a queste attività, hanno l’opportunità di conoscersi in modo più profondo rispetto ai semplici rapporti da ufficio (contando anche la pausa alla macchinetta del caffè 😉 ), e questi legami resteranno saldi anche una volta ritornati in azienda.

È importante che i partecipanti al tuo Team Building si prendano un momento di tempo per riflettere su quello che hanno vissuto insieme e per rielaborarlo in maniera più conscia e consapevole possibile.

Ok, ora sei pronto per capire che cos’è il debriefing.

Il debriefing è una fase molto delicata in cui il partecipante deve mettersi in gioco e ripensare a tutta l’attività di Team Building, cercando di capire cosa ha significato per lui.

  1. È un momento di analisi e  condivisione del proprio vissuto durante l’attività di team building.
  2. Attraverso la discussione, si cerca di capire il punto di vista degli altri e se ci sono state delle particolari problematiche nel rapporto con i colleghi.
  3. Una volta che queste problematiche emergono, si cerca di affrontarle insieme attraverso il confronto reciproco.
  4. Si cercano soluzioni alternative ed efficienti.
  5. Infine si cerca di capire come migliorare lo spirito di squadra anche nell’ambito lavorativo.

Infatti, ricordati che gli obiettivi dell’attività di Team Building (e quindi anche del debriefing) sono quelli di migliorare i legami tra i colleghi e risolvere eventuali tensioni dell’ambiente lavorativo.

Debriefing: lo scopo

La finalità del debriefing gira attorno a tre punti salienti:

  1. Parlare di quello che è accaduto nel corso della giornata di team building, per condividere la propria esperienza con gli altri e arricchirsi reciprocamente.
  2. Capire che cosa si è imparato nel corso dell’attività di team building.
  3. Riflettere su come applicare quello che è stato imparato nel contesto lavorativo quotidiano

Come si struttura una sessione di debriefing?

Per la disposizione dei dipendenti ricordati questo accorgimento: la disposizione a ferro di cavallo è la migliore, perché permette a tutti di guardarsi negli occhi senza difficoltà.

Inoltre il mediatore potrà posizionarsi al centro, in modo da dialogare con tutti vis a vis.

L’attività di debriefing vede entrare in gioco sostanzialmente 2 parti:

  • il gruppo: cioè i colleghi che hanno partecipato al Team Building. Sono loro che devono riflettere sull’attività della giornata, condividere il proprio punto di vista e trovare insieme nuove soluzioni
  • il mediatore: è una figura esterna, che non ha partecipato all’attività di team building o che comunque non vi ha preso direttamente parte. Il suo compito è guidare le riflessioni del gruppo attraverso domande mirate, e intervenire solo se la discussione diventa troppo accesa

Il debriefing si può svolgere attraverso queste attività:

  • il dialogo
  • domande mirate
  • esercizi di riflessione

Il mediatore deve guidare la conversazione tra i partecipanti, attraverso domande e nuovi spunti di riflessione.

La discussione può anche svolgersi in maniera spontanea, in questo caso il mediatore deve accertarsi che tutti rispettino il loro turno e che tutti vengano ascoltati.

Oppure la discussione può essere condotta, attraverso una serie di domande mirate. Le domande devono essere aperte e stimolare la discussione.

Quali domande si possono usare durante una sessione di debriefing?

cfuParti dal presupposto che le domande poste dal mediatore devono analizzare tutti gli aspetti dell’esperienza.

1. L’attività

Com’è andata l’esperienza?

L’esperienza è stata nel complesso positiva o negativa?

È andata come ti aspettavi? Cos’è successo che non ti aspettavi? Perché?

L’obiettivo e le istruzioni per realizzarlo erano chiari?

2. I colleghi

Com’è stato il rapporto coi colleghi?

Hai imparato qualcosa di più nei loro riguardi?

Quali ostacoli avete dovuto superare insieme?

Come avete fatto a superarli?

La squadra ha lavorato bene?

Potevate usare un altro metodo per raggiungere l’obiettivo?

3. Il singolo

Come ti sei comportato con gli altri colleghi?

Cosa hai pensato durante l’attività?

Quali erano le tue paure nei confronti di questa esperienza?

E quali erano invece le speranze?

Perché quello che ti aspettavi è stato diverso da quello che è accaduto?

Cosa avresti potuto fare di diverso?

4. Buoni propositi

Cosa hai imparato da questa esperienza?

Sapendo quello che hai imparato oggi e dovendo ripetere l’attività, ti comporteresti in maniera diversa la prossima volta?

Come è il  tuo legame coi colleghi adesso?

Ti sembra di essere uscito rafforzato dall’attività di oggi?

La prossima volta potrai fare di meglio rispetto a oggi? Se si, come?

Compito di queste domande è permettere a tutti di avere una visione d’insieme dell’attività che si è svolta e delle conoscenze che si sono apprese.

La condivisione delle impressioni personali, permette che tutti vengano a conoscenza di un visione più ampia.

Inoltre aiuta ad identificarsi con le esperienze degli altri, aumentando il senso di empatia.

L’elaborazione verbale dell’esperienza permette inoltre a tutti di comprendere le debolezze, ma anche i punti di forza del team.

Alla fine ci si sentirà più simili e si scoprirà di avere molte più cose in comune di quando si è cominciato.

In alternativa alle domande,  o anche come fase supplementare, ci sono alcuni esercizi di ruolo che si possono organizzare per coinvolgere al meglio tutti i partecipanti.

Vantaggio di questi esercizi è che svolgendo dei compiti in prima persona, i concetti dovrebbero rimanere più impressi nella mente rispetto al semplice parlare.

Ecco alcuni brevi esercizi da svolgere durante un debriefing.

Adesso ti elencherò alcune attività che puoi proporre ai partecipanti di un debriefing.

A seconda dell’esperienza di team building e dei valori che vuoi fai emergere, puoi modificare le attività a tuo piacere.

È meglio far fare questi esercizi solo dopo avere già affrontato la discussione di gruppo. In questo modo, tutti conoscono già i valori su cui devono concentrarsi e sono più consapevoli di quello che hanno imparato nella giornata.

Ecco degli esempi di esercizi di debriefing:

  • Scrivere una pagina di diario: ogni partecipante deve raccogliere i propri pensieri in forma scritta. Dai a disposizione dai 10 ai 20  minuti di tempo. Non è detto che tutti siano abituati a mettere per iscritto le proprie sensazioni. Ma questo esercizio mentale permette di riflettere a fondo su tutto quello che è stato vissuto nel corso della giornata, su quello che hanno imparato su di loro e sul rapporto coi loro colleghi. Al termine della scrittura, ognuno può condividere la riflessione ad alta voce. La condivisione non è obbligatoria ma è molto utile. Permette agli altri di ricordare cose che potrebbero avere dimenticato e a scoprire nuovi punti di vista.
  • Creare un volantino pubblicitario: Puoi dividere i partecipanti in squadre e fornire loro tutto il materiale necessario. Con una buona dose di creatività, dovranno ripensare all’attività di team building e esprimerla attraverso le immagini. Dovranno anche trasmettere le lezioni che hanno imparato e su come cambieranno i loro comportamenti nella vita e sul lavoro. Possono creare un collage di immagini tagliate da riviste, oppure creare qualcosa di originale!
  • Creare una scenetta:Divisi in squadre, i partecipanti devono concentrarsi sui valori aziendali riconosciuti nella discussione e devono portarli alla luce tramite una breve recita. In questa scenetta possono rappresentare l’attività di team building vissuta, in cui ognuno diventa attore di se stesso. L’importante è che alla fine emerga quello che ognuno ha imparato, in maniera divertente e coinvolgente!

Cosa fa il mediatore?

In una sessione classica di debriefing i partecipanti devono interagire con un facilitatore, che li guiderà nella riflessione.

Il mediatore può essere chiunque, dall’organizzatore dell’evento, allo stesso datore di lavoro.

La cosa importante è che abbia bene in chiaro in mente gli obiettivi da raggiungere, e che si prepari in anticipo una lista di domande da proporre al team di lavoro.

Le qualità principali del mediatore devono essere:

  • la capacità di mediazione: questa figura deve guidare la discussione in maniera che tutti i partecipanti dicano la propria, ma che nessuno imponga la propria opinione sull’altro.
  • deve coinvolgere tutti: ognuno ha i suoi tempi, quindi non deve costringere nessuno ha esporre la propria opinione se non se la sente, però tutti devono rimanere concentrati sulla discussione fino al suo termine.
  • saper porre al gruppo domande aperte: infatti deve stimolare la creatività e ampliare il punto di vista del singolo, in modo da fare riflettere tutti i membri del gruppo.
  • non giudicare: nessuna risposta è giusta o sbagliata, il facilitatore deve fare emergere quello che le persone hanno percepito, non verità universali.
  • ascoltare: il facilitatore non deve dare risposte, ma deve stimolare le giuste domande. Sta invece ai partecipanti dare le risposte, che saranno diverse a seconda della loro esperienza e personalità. Il mediatore deve seguire il flusso della conversazione e “rimanere sul pezzo” di quello che si sta dicendo.

Debriefing: dove organizzarlo?

Per ottenere una perfetta sessione di debriefing, ti consiglio di organizzarla in un luogo tranquillo e piacevole.

Ovviamente il top sarebbe quello scegliere una location accogliente e lontana dal caos cittadino.

Un’ottima idea sarebbe svolgere il debriefing all’aperto, magari nel giardino di una villa, in modo che nessuno possa collegare l’esperienza alla grigia vita da ufficio.

Ma va benissimo anche organizzare il debriefing in una sala meeting, dotata di tutti i comfort e la tecnologia che ti potrà servire.

Hai già pensato dove fare soggiornare i tuoi dipendenti dopo l’attività di team building? Potresti prendere due piccioni con una fava: le location che ti consiglio qui sotto sono tutte dotate di sale meeting e adatte ad ospitare eventi aziendali. 👇

Quindi dopo l’attività di Team Building porta qui i tuoi dipendenti, e organizzaci la sessione di debriefing.

 

Ti ho detto tutto detto per organizzare al meglio un debriefing.

Ti è tutto chiaro?

Se hai altre domande sull’argomento, non esitare a scrivermi qui sotto nei commenti!

Sarò lieta di aiutarti 😉

Le migliori location dove organizzare la tua sessione di debriefing

Piemonte
Bella Rosina
Viale Bella Rosina, 1 - La Cassa (TO)

Bella Rosina è una struttura a 4 stelle che offre i seguenti servizi:

  • Wifi gratuito
  • Parcheggio gratuito
  • Ristorante
  • Parco
  • Piscina all’aperto
Vai alla scheda
Sala Principale: 50 N° sale: 1 Camere: 21
Lombardia
Le Ali Del Frassino
Strada Santa Cristina 13 - Peschiera del Garda (VR)

Le Ali Del Frassino è una struttura a 4 stelle che offre i seguenti servizi:

  • Wifi gratuito
  • Parcheggio gratuito
  • Ristorante
  • Parco
  • Terrazza panoramica
  • Sauna
  • Spa
  • Piscina all’aperto
Vai alla scheda
Sala Principale: 120 N° sale: 3 Camere: 89
Lombardia
Poiano Resort
Via Poiano - Garda (VR)

Poiano Resort è una struttura a 4 stelle che offre i seguenti servizi:

  • Parcheggio gratuito
  • Ristorante
  • Parco
  • Terrazza panoramica
  • Sauna
  • Spa
  • Piscina coperta/all’aperto
Vai alla scheda
Sala Principale: 250 N° sale: 7 Camere: 120
Emilia Romagna
Admiral Park Hotel - Centro Congressi Bologna
Via Fontanella, 3 - Zola Predosa (BO)

Admiral Park Hotel – Centro Congressi Bologna è una struttura a 4 stelle che offre i seguenti servizi:

  • Wifi gratuito
  • Parcheggio gratuito
  • Ristorante
  • Parco
  • Terrazza panoramica
  • Sauna
  • Piscina all’aperto
Vai alla scheda
Sala Principale: 300 N° sale: 10 Camere: 120
Emilia Romagna
Riviera Golf Resort
Via Conca Nuova 1236 - San Giovanni in Marignano (RN)

Riviera Golf Resort è una struttura a 4 stelle che offre i seguenti servizi:

  • Wifi gratuito
  • Parcheggio gratuito
  • Ristorante
  • Parco
  • Sauna
  • Spa
  • Piscina all’aperto/coperta
Vai alla scheda
Sala Principale: 500 N° sale: 3 Camere: 32
Toscana
Podere Bucine Basso
Via del Commercio, 210 - Lari (PI)

Podere Bucine Basso è una struttura a 4 stelle che offre i seguenti servizi:

  • Wifi gratuito
  • Parcheggio gratuito
  • Ristorante
  • Parco
  • Sauna
  • Piscina all’aperto
Vai alla scheda
Sala Principale: 80 N° sale: 1 Camere: 10
Toscana
Riva del Sole Resort & SPA
Località Riva del Sole - Castiglione della Pescaia (GR)

Riva del Sole Resort & SPA  è una struttura a 4 stelle che offre i seguenti servizi:

  • Wifi gratuito
  • Parcheggio gratuito
  • Parco
  • Sauna
  • Spa
  • Piscina all’aperto/coperta
Vai alla scheda
Sala Principale: 270 N° sale: 9 Camere: 156
Toscana
Fontebussi Tuscan Resort
Località Fontebussi - Cavriglia (AR)

Fontebussi Tuscan Resort  è una struttura a 4 stelle che offre i seguenti servizi:

  • Wifi gratuito
  • Parcheggio gratuito
  • Ristorante
  • Parco
  • Terrazza panoramica
  • Piscina all’aperto
Vai alla scheda
Sala Principale: 350 N° sale: 3 Camere: 73
Puglia
Best Western Plus Leone di Messapia Hotel & Conference
Prov.le Lecce - Cavallino, 32 - Lecce (LE)

Best Western Plus Leone di Messapia Hotel & Conference è una struttura a 4 stelle che offre i seguenti servizi:

  • Wifi gratuito
  • Parcheggio gratuito
  • Ristorante
  • Parco
Vai alla scheda
Sala Principale: 450 N° sale: 5 Camere: 108
Sicilia
Saracen Village
Via Libertà 128/A - Isola delle Femmine (PA)

Saracen Village è una struttura a 4 stelle che offre i seguenti servizi:

  • Wifi gratuito
  • Parco
  • Terrazza panoramica
  • Piscina all’aperto
Vai alla scheda
Sala Principale: 2000 N° sale: 6 Camere: 245
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 voti)

Laura Scotti

meetinghub
Non aspettare la prima Newsletter! Iscriviti anche alla pagina Facebook!

Unisciti a noi per rimanere sempre aggiornato, ottenere contenuti di valore e scoprire nuove strutture in cui organizzare il tuo evento!

Articoli Correlati