Meeting Hub Meeting Hub blog
città italiane per andare in vacanza

Dove andare in vacanza? Le città più ospitali secondo Booking.com

Dove andare in vacanza quest’anno? Per rispondere a questa domanda abbiamo fatto una ricerca per mostrare quali siano le città più ospitali secondo le recensioni lasciate dai viaggiatori sul famoso portale di prenotazioni online. Vediamo insieme quali sono le città che hanno ricevuto i voti migliori e se rispecchiano le tue aspettative!

Utilizzando le recensioni degli utenti di Booking, il team di Meeting Hub ha provato a sfatare alcuni miti relativamente alle credenze sull’ospitalità tra le varie regioni d’Italia. Grazie al giudizio di turisti che hanno alloggiato in alberghi dislocati lungo tutto il Bel Paese, abbiamo provato a rispondere ad una domanda:

Quali sono le città più ospitali per chi pernotta in hotel?

I criteri di Booking.com

Booking è uno dei siti più famosi al mondo che ti permette di prenotare online un alloggio nella località scelta per le vacanze. Per consigliare al meglio gli utenti, si affida esclusivamente a recensioni scritte da ospiti che hanno realmente effettuato il soggiorno.

Questo rende Booking una fonte molto affidabile riguardo il gradimento dei clienti sui servizi alberghieri.

Gli ospiti degli hotel di Booking possono valutare da 0 a 10 i seguenti aspetti della location: pulizia, comfort, posizione, servizi, staff, rapporto qualità-prezzo e wi-fi gratuito. Inoltre, possono inserire una breve recensione della loro esperienza in hotel.

I dati

Abbiamo raccolto da Booking i dati relativi a più di 1000 alberghi nei 20 capoluoghi di regione italiani.

Abbiamo considerato inoltre solo gli alberghi a 4 stelle, ovvero quelli che si suppone essere di impronta business o comunque quelli scelti più facilmente da chi vuole concedersi qualche vizio durante il soggiorno, ma senza eccedere nel lusso. Se vuoi conoscere più nel dettaglio quali sono i servizi di cui è dotato un hotel a 4 stelle, ti invito a leggere come vengono assegnate le stelle agli hotel.

Ma ora torniamo a noi.

Partendo dalla valutazione generale di ogni hotel (quella che Booking presenta in prima pagina, come punteggio complessivo), abbiamo ricavato la valutazione media per ogni città.

Dando uno sguardo d’insieme, salta all’occhio che – a prescindere dalla città – la valutazione media degli utenti si aggira intorno agli 8/10. Questo vuol dire che, complessivamente, i turisti si ritengono decisamente soddisfatti dai propri soggiorni, sia al Nord che al Sud…

voti booking

Ma non in tutta Italia in egual maniera!

Sapresti indovinare quale città risulta essere la più ospitale di tutte? E quella con il voto complessivo più basso?

Molto probabilmente la tua risposta è errata!

C’è solo un modo per scoprirlo: guarda l’infografica qui sotto per avere un idea delle città che più ospitali secondo i viaggiatori di Booking.com

 

classifica città più ospitali

I risultati

Da Trento a Catania e da Aosta a Trieste, passando per Firenze, L’Aquila e Cagliari, abbiamo visto qual è il punteggio assegnato alle strutture lungo tutto lo stivale… e i dati sono davvero interessanti.

Bisogna sfatare lo stereotipo diffuso e profondamente radicato che vedrebbe contrapposti l’ospitalità e il calore del sud contro la freddezza e il cortese distacco del nord.

Infatti i dati parlano chiaro: le uniche città che stanno al di sotto della media dell’8 sono al sud. Strano vero?

Ma vediamo nel dettaglio le valutazioni delle singoli voci che Booking selezioni per valutare la qualità complessiva di un hotel.

Staff

Il criterio più indicativo per indicare l’ospitalità di un hotel sembra essere senza dubbio la valutazione data allo staff: la disponibilità mostrata nei confronti dei clienti, la premura per gli ospiti, la gentilezza, il sorriso e via dicendo.

Il dato più sorprendente riguarda proprio alcune città del nord. Negli alberghi di Trieste la valutazione media dello staff sale a 9, ad Aosta 8,9 e a Venezia raggiunge il punteggio di 9,2. Nel centro Italia solo Firenze ottiene un punteggio sopra la media (9), mentre al sud nessuna città mostra simili risultati. Il primo stereotipo, quindi, sembrerebbe sfatato dai numeri.

staff

I servizi

Passiamo a un’altra credenza diffusa, secondo cui il vero punto debole del sud Italia sarebbero la mancanza di infrastrutture e in generale la scarsa organizzazione dei servizi.

Per quanto riguarda i servizi interni alle strutture alberghiere, gli alberghi del centro e sud Italia non hanno nulla da invidiare a quelli del nord, con la sola eccezione di Roma, Bari e Cagliari: leggermente sotto la media.

Unica nota dolente è il wi-fi, che risulta essere la voce più critica sia per gli alberghi del centro che per quelli del sud. Ma di questo parleremo più avanti.

servizi

La pulizia

Guardando agli aspetti più positivi, invece, la voce pulizia fa riguadagnare delle valutazioni di tutto rispetto alla maggior parte delle strutture mettendo le varie città a competere con una media generale di 8,5. Ai primi posti della classifica troviamo sempre Trento, che sembra essere, a parere dei viaggiatori, la città più pulita della Penisola!

L’ultima posizione? Catanzaro, ma superando ampiamente la prova di pulizia con un bell’8 pieno.

pulizia

Il comfort e la posizione

Vogliamo raggruppare queste due valutazioni in quanto strettamente connesse. Una struttura, tranne rari casi, non è comoda da raggiungere se si trova a 50 km dal centro città. Ovviamente entrambi i valori possono condizionare la scelta di una location piuttosto che un’altra andando notevolmente ad impattare sulla media generale della città.

Infatti, è più probabile che in una città di piccole dimensioni gli hotel siano più vicini alla stazione dei treni, al centro o ai principali punti di interesse. In una grande città invece le distanze da percorrere sono notevoli, anche se spesso il servizio è più capillare.

Ma ora vediamo cosa dicono i dati.

comfort

posizione

La nota dolente… il wi-fi

Siamo nel 2016, è vero, ma il wi-fi continua ad essere un problema per molti hotel che finiscono con  l’abbassarsi il voto in pagella a causa di questa lacuna! Purtroppo alcune strutture continuano ad offrire il servizio di connessione senza fili gratuito senza curarne la qualità. Sono in molti a “fare spallucce” se i clienti si lamentano della poca rete disponibile, a loro malgrado.

I risultati? una media che non supera nemmeno l’8. L’eccezione? Venezia!

wi-fi

 

Il rapporto qualità/prezzo

Giunti a questo punto, alcune città ci hanno un po’ stupito per aver ricevuto valutazioni complessivamente piuttosto basse (sempre se vogliamo considerare un 7 un votaccio) ma vediamo l’ultima delle valutazioni, ovvero il rapporto qualità/prezzo. Se una città offre valutazioni basse nei confronti di pulizia, servizi, comfort, posizione, wi-fi… magari può vantare un costo molto competitivo!

Vediamo insieme chi è il vincitore di questa classifica..

qualità/prezzo

Forse non tutti sanno che…

Gli stereotipi non hanno solo una valenza negativa, ma svolgono una funzione ben precisa nella nostra dimensione quotidiana. Ci danno delle coordinate, ci forniscono delle istruzioni per capire come comportarci di fronte a situazioni nuove e condizionano quindi le nostre scelte.

Per esempio, se sappiamo poco o niente della cultura nipponica e dobbiamo incontrare un giapponese per motivi di lavoro, ci affideremo alle credenze diffuse su questo popolo: niente pacche sulla spalla o strette di mano troppo vigorose, sì ad abbondanti sorrisi e a leggeri inchini con la testa.

A volte però capita di trovarsi di fronte a nuovi dati ed esperienze che ci dimostrano la falsità dei nostri pregiudizi.

Nel nostro caso, ci aspettavamo che le città più ospitali fossero sicuramente nell’Italia meridionale, con il loro tipico calore mediterraneo, e invece le troviamo in mezzo alle nebbie dell’estremo nord. I dati parlano di un’Italia che da una regione all’altra si occupa alla grane dell’igiene dell’hotel. Pensavamo che l’organizzazione alberghiera milanese fosse ad un livello medio più alto di quella romana, ma abbiamo scoperto che i voti delle due metropoli su Booking sono sovrapponibili.

Insomma, con questi dati dovremo rivedere un po’ gli stereotipi comuni sulle varie regioni d’Italia, per lo meno per quanto riguarda il settore alberghiero…

Sei rimasto stupito dai dati emersi da questa indagine sulle città più ospitali d’Italia? Ti invito a lasciare un commento qui sotto!

Patrick Sirtoli

Patrick Sirtoli

Ebook Meeting Hub

Inserisci i tuoi dati e riceverai gratuitamente via mail l'Ebook completo.

Ben fatto! A minuti riceverai via mail l'Ebook!
Oh oh! qualcosa è andato storto! Riprova più tardi!

Articoli Correlati