Numero Verde - Assistenza Clienti

800 082 840

Evento aziendale nel mistero: tour nella Napoli esoterica

Stanco del solito evento aziendale, dei soliti meeting e delle solite convention?

Pensaci tu a cambiare la routine con un’idea originale!

Scopri con il tuo team gli affascinanti misteri del capoluogo campano organizzando un tour nella Napoli esoterica.

Non sai come organizzare un evento del genere?

Leggi questo articolo e preparati ad organizzare un evento aziendale coi fiocchi!

Un evento aziendale fuori dal comune

evento aziendaleCome per un qualsiasi altro evento anche nel caso di un evento aziendale la parola d’ordine deve essere organizzazione!

Ci sono molti dettagli a cui prestare attenzione.

Non sai di cosa sto parlando?

Forse l’articolo Eventi aziendali: la guida definitiva all’organizzazione può fare al caso tuo.

Ma torniamo a noi!

Può capitare che ci sia la necessità di organizzare un evento originale, diverso dalla solita cena in abito elegante… un evento più informale, che possa contribuire a rendere un gruppo di colleghi più affiatato. Attività di gruppo divertenti e molto lontane dalla solita routine possono rivelarsi una buona idea per premiare i risultati o il successo raggiunti.

Un tour aziendale nella Napoli esoterica è proprio l’evento originale e fuori dal comune che voglio consigliarti in questo articolo!

Alla scoperta della Napoli esoterica

Scoprire la città attraverso i suoi luoghi misteriosi è un nuovo modo di riscoprire Napoli e la sua storia: città magica per eccellenza dove miti e magie, religione e superstizione si fondono nel suo centro storico.

Napoli è famosa come città popolata da fantasmi, sirene, sibille, maghi e alchimisti e i luoghi esoterici tra cui scegliere per scoprire le loro storie sono molti, anzi moltissimi!

In questo articolo ti spiegherò come organizzare il tuo tour esoterico.

Si parte!

Napoli esoterica: cosa vedere

napoli esotericaLa magia, l’esoterismo e i delitti più inquietanti si celano in ogni via della città, consacrandola come vera e propria culla della storia esoterica del Mediterraneo.

Lasciati ispirare dai luoghi esoterici del capoluogo campano e preparati a vivere un’avventura con tutto il tuo team.

Un assaggio?

Ecco qualche idea…

Il bugnato del Gesù Nuovo con la maledizione dei Sanseverino

chiesaNel cuore di Napoli, in Piazza del Gesù si può ammirare la monumentale facciata dell’ex Palazzo Sanseverino, sede della Chiesa del Gesù Nuovo.

Il Principe di Salerno Roberto Sanseverino commissionò la costruzione di una dimora che doveva essere il simbolo della sua potenza, così nacque Palazzo Sanseverino

I lavori terminarono nel 1470 ma, dopo Roberto, il palazzo venne confiscato al figlio Antonello.

La leggenda, infatti, narra che chiunque abiti in quella dimora sarà destinato a ingenti perdite finanziare e disgrazie… E la storia sembra confermarlo.

Dopo i Sanseverino, il re Filippo II di Spagna decise di vendere il Palazzo alla Compagnia del Gesù che nel 1767 fu bandita dal Regno di Napoli. Neanche i Francescani Riformatori durarono molto, e, a seguito di varie peripezie, i Gesuiti vi entrarono definitivamente nel 1900.

L’origine della maledizione di Palazzo Sanseverino deriverebbe dalla forza energetica sprigionata dalle pietre del bugnato, che ne formano la facciata.

Il bugnato è una costruzione in pietra in cui i diversi blocchi sporgono mostrando punte acuminate e, secondo un rituale esoterico, per attirare energia positiva è necessario collocarle in modo tale che le punte siano rivolte all’interno dell’edificio.

Sulla facciata del Gesù Nuovo però, il bugnato è esattamente al contrario, attirando sfortuna ed energie negative.

Erano i Maestri Pipernieri, costruttori ma anche conoscitori dell’alchimia e dell’esoterismo a occuparsi di questa particolare opera.

Un errore? Un complotto? Questo è solo il primo dei misteri.

chieda del gesù nuovo
Chiesa del Gesù nuovo – Orari di apertura: 7.00 – 13.00 e 16.00 – 19.30

Cappella Sansevero e Santa Maria la Nova

cappellaMoltissime le leggende che avvolgono la figura di Raimondo di Sangro e la Cappella Sansevero di cui fu mecenate.

Tutto nasce dai rumorosi e segreti laboratori sotterranei di Palazzo Sansevero, attivi notte e giorno: rumori sordi e prolungati alternati al tintinnio di un martello su un’incudine hanno acceso la fantasia di chi abitava nei dintorni, consacrando il principe di Sansevero come l’incarnazione napoletana del dottor Faust, disposto ad un patto col diavolo, pur di conoscere e padroneggiare i segreti della natura e della materia.

La statua del Cristo velato (dello scultore Giuseppe Sammartino) e in particolare il suo sudario sarebbero la traccia più famosa delle molteplici e strane attività del principe.

Il culmine della leggenda, che passa dall’alchimia per arrivare fino a strane imbalsamazioni ed omicidi efferati, è racchiuso nelle circostanze della sua morte.

Si racconta infatti che il principe, quando si rese conto che la morte era vicina, grazie ad un servitore, si fece tagliare a pezzi e inserire in un feretro dal quale sarebbe poi uscito immortale.

La famiglia, però, aprì la cassa prima del tempo facendo rotolare via i pezzi del corpo e il principe, gettando un urlo disperato, non poté che morire.

Puoi acquistare i biglietti per il Museo Cappella Sansevero anche online a questo link.

Basta aggirarsi tra i visitatori della Cappella Sansevero per sentire le leggende più bizzarre.

C’è anche chi afferma di aver incontrato lo spirito di Raimondo di Sangro, che però non è l’unica inquietante figura legata alla tradizione napoletana.

Infatti si narra anche che il Principe Vlad III di Valacchia, ovvero il Conte Dracula, sia sepolto nel chiostro del Complesso di Santa Maria la Nova.

Castel dell’Ovo

castel dell'ovoL’esoterismo di Napoli affonda le sue radici già in epoca romana con la leggenda di Virgilio Mago.

Il poeta latino Publio Virgilio Marone fu, non solo apprezzato per la sua prestigiosa opera letteraria, ma anche venerato come Mago-Salvatore della città.

Il fascino di questa leggenda risiede nell’imponente Castel dell’Ovo, il più antico castello di Napoli che si erge sull’isolotto di Megaride, successivamente unito artificialmente alla costa dal Borgo Marinaro.

Per gli alchimisti l’uovo indicava il contenitore o il forno in cui gli elementi primari venivano trasformati.

La storia narra che proprio Virgilio entrò nel castello e vi nascose, murandolo nelle fondamenta, un uovo, con il monito che alla rottura dell’uovo la città sarebbe crollata.

Consulta il sito del Comune di Napoli per gli orari di apertura, l’ingresso è gratuito.

Fantasmi e spiriti

fantasmiNon mancano presenze femminili inquietanti.

Piazza San Domenico, ad esempio, è infestata dal fantasma di Maria D’Avalos che fu uccisa brutalmente insieme all’amante, dal Principe Gesualdo, suo marito.

Nelle notti di luna piena è ancora possibile vedere lo spettro della donna aggirarsi triste e infelice.

Il fantasma di Giovanna I d’Angiò, invece, vaga senza riposo per il Chiostro di Santa Chiara.

Incoronata nel 1343, Giovanna I d’Angiò fu la prima regina di Napoli e dovette governare un regno che alternava decadenza a momenti più prosperi, fra congiure e intrighi.

Morì di morte violenta il 27 luglio 1382 ed ogni anno nella ricorrenza dell’anniversario della sua morte, riappare.

A questa regina non fu concessa sepoltura in terra consacrata da parte di papa Urbano VI di Roma e oggi terrorizza i passanti condannando a morte chi incrocia il suo sguardo.

Un legame con l’aldilà nella Chiesa del Purgatorio ad Arco

chiesa del purgatorioLa fama di Napoli deriva anche dal rapporto privilegiato con l’altra dimensione e con la morte.

In particolare, insieme al rito delle anime del purgatorio che appartiene alla chiesa ufficiale, a Napoli si è sviluppato quello che viene definito il rituale delle anime pezzentelle, simboleggiato dai famosi teschi che venivano letteralmente adottati dal popolo allo scopo di ottenere benedizioni e protezione.

La Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, in via Tribunali, venne istituita nel 1604 per celebrare messe a suffragio dei defunti.

La chiesa è disposta su due livelli: la parte superiore simboleggia il mondo dei vivi, mentre la parte inferiore è la rappresentazione del Purgatorio. L’interno, in stile barocco, è ricco di capolavori tipici dell’arte napoletana.

I collegamenti con il mondo dei morti sono molteplici: fregi allegorici rimandano all’aldilà con il motivo di teschi ed ossa, mentre teschi bronzei sono adagiati su due pali di granito.

Lucia è la più celebre pezzentella, della sua vita si sa poco ma la leggenda vuole che la giovane avrebbe dovuto sposarsi, ma morì prima di salire all’altare.

Per questo motivo indossa il velo da sposa.

Molti devoti chiedono a lei grazie e intercessioni oppure le lasciano biglietti in cui raccontano le proprie pene d’amore.

Il Complesso museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco è aperto dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 14, il sabato dalle 10 alle 17 e domenica dalle 10 alle 14. L’ingresso in chiesa è gratuito.

Visita il sito ufficiale per organizzare una visita guidata.

Itinerario

itinerarioQuesti sono solo alcuni dei luoghi che rendono Napoli una città dai mille volti e dai mille misteri.

La verità è che ogni vicolo di questa città racconta una storia, non ti resta che scoprirle tutte organizzando un tour nella Napoli esoterica da condividere con il tuo team di lavoro.

Tutti i luoghi di cui ti ho parlato possono essere visitati semplicemente passeggiando per il centro di Napoli.

Ecco qui un possibile itinerario.

itinerario napoli esoterica

Dove alloggiare?

dove alloggiareDopo tutto questo girovagare bisogna trovare un posto in cui riposare e rifocillarsi!

Meeting Hub è la piattaforma perfetta per trovare la location più adatta a te e alla tua squadra, sia che tu voglia rimanere vicino al centro storico, sia che tu voglia esplorare anche i dintorni.

I migliori Hotel a Napoli

Chiedi subito un preventivo, è rapido e senza impegno, cosa aspetti?

Lasciati l’ufficio alle spalle per qualche giorno e scopri tutti i misteri che si nascondono nella culla dell’esoterismo del Mediterraneo.

Organizza il tuo evento aziendale all’insegna della magia e dell’occulto nella misteriosa Napoli.

Non ti dimenticare di condividere l’articolo con colleghi e collaboratori e… Buon viaggio nel mistero!

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 voti)

Giada Spezie

meetinghub
Non aspettare la prima Newsletter! Iscriviti anche alla pagina Facebook!

Unisciti a noi per rimanere sempre aggiornato, ottenere contenuti di valore e scoprire nuove strutture in cui organizzare il tuo evento!

Articoli Correlati