Se la pianificazione è la tua religione e le arti culinarie e della ristorazione ti affascinano, l’attività del Food and Beverage Manager potrebbe essere la professione adatta a te.

Si tratta di un professionista complesso e indispensabile per far sì che ogni evento vada per il meglio.

Definire chi è e cosa fa un Food and Beverage Manager non è semplice. Spesso parlando di questa figura professionale si può andare incontro a dibattiti controversi.

In effetti la sua potrebbe essere definita una nuova professione. Ecco perché ho deciso di scrivere questo articolo, per far luce sulla questione parlando di:

  • Chi è e cosa fa
  • Come diventarlo
  • Quale corso bisogna fare per avvicinarsi a questa professione

Sei curioso? Allora iniziamo subito a vedere perché questa figura è così importante per la buona riuscita di un evento, oppure, a seconda del caso, perché è così importante farselo amico.

Food and Beverage Manager: la figura che fa la differenza

Icona food and beveragePer molti è l’evoluzione del maître, per altri deve avere basi economiche consolidate.

Una cosa è certa: è il professionista a cui spetta la totale responsabilità di conduzione e pianificazione di tutti i servizi di ristorazione, dall’organizzazione della stessa agli standard di qualità.

Ricordati che ciò che è più importante è la gestione di ogni aspetto della ristorazione: dalle risorse economiche dei servizi alla gestione del personale, dall’approvvigionamento al controllo qualità della produzione e la distribuzione di cibi e bevande.

Perché è fondamentale ingaggiarne uno per il proprio evento?

Sicuramente, nei panni di un Food and Beverage Manager potresti rivelarti un ottimo alleato della gestione economica.

Collaborerai con la direzione generale per la definizione di obiettivi specifici (come i volumi di utenza o i margini di contribuzione) operando nella scelta delle strategie, delle tattiche e dei metodi da adottare per raggiungerli.

Ha il compito di garantire, per il settore di propria competenza, il rispetto dell’immagine della struttura ricettiva dal punto di vista dell’efficienza e degli standard qualitativi.

È una figura dinamica e versatile, qualità che ne decretano senza dubbio il successo. Se vuoi intraprendere questa carriera devi tenerne bene a mente i compiti e le attività.

Vediamo insieme quali sono.

Come diventarlo: le qualità indispensabili

Pianificazione e organizzazione

Icona uomo con obiettiviCon questa breve lista voglio fornirti un quadro completo delle competenze organizzative necessarie per diventare food and beverage manager.

Ecco quali sono le più importanti:

  • Controllo del rispetto degli standard di qualità dei prodotti-servizi (ad esempio è opportuno effettuare sopralluoghi sul luogo dell’incontro. Anche controllare l’igiene di locali, attrezzature da cucina e impianti destinati alla preparazione, conservazione e consumo di cibi e bevande è fondamentale)
  • Organizzazione di eventi non ordinari, quali buffet, meeting, convegni, cene a tema, ecc. (ad esempio supervisionando i menù o l’allestimento dei piatti)
  • Servizi personalizzati e progettati su misura (controllando il servizio banchetti, le riunioni e le colazioni di lavoro in qualità di promotore e di fornitore del servizio stesso)

Tuttavia, il suo punto forte è la rete relazionale: dovrai tenere contatti con lo staff di sala e di cucina. Potrai quindi stabilire piani di approvvigionamento e il livello qualitativo e quantitativo delle scorte minime.

Fissando inoltre gli standard di peso dei cibi e delle bevande in collaborazione con il cuoco, permetterai appropriati controlli sui costi e sulle quantità. Verso l’esterno, il tuo approccio coinvolgerà i fornitori ed i clienti più importanti, verificandone il grado di soddisfazione.

Dolcetti nel bicchiere

Il lavoro del Food and Beverage Manager è determinato dal contatto umano. È importante far vivere questi rapporti in un clima di collaborazione, in ambienti sani e puliti.

Svolgerai la tua attività in azienda, in sala e in cucina, come pure nel reparto amministrativo e nella contabilità.

Un abile economista

Icona salvadanaioL’efficacia di questa figura professionale dipenderà anche dalle competenze in materia economica.

Eccone alcune da tenere a mente per attuare una strategia vincente:

  • Definire il budget delle attività di ristorazione: è opportuno preventivare costi diretti e indiretti
  • Definire i prezzi di vendita
  • Tenere sotto controllo il costo delle materie prime utilizzate nella produzione di cibi e bevande, tenere i rapporti con i fornitori
  • Coordinare la gestione della cassa
  • Analizzare i dati di fatturato e gli scostamenti dal budget
  • Predisporre report periodici (in questo caso è meglio che tu conosca software gestionali di contabilità)

Devi tener presente che i ritmi di lavoro dipendono in gran parte dal tipo di impresa in cui si opera.

È chiaro che in albergo i ritmi saranno principalmente stagionali o scanditi dal maggior afflusso della clientela. In genere, per questa professione si presta servizio con orari irregolari.

dolcetti colorati

I migliori corsi di Food and Beverage Manager

Icona corso

Per iniziare a lavorare in questo settore la prima regola da seguire è molto semplice: esperienza sul campo.

Come per ogni attività professionalizzante è bene applicarsi tanto. Parliamo di tempo, competenze e dedizione, oltre ad un buon corso per formarsi al meglio.

Questo è un lavoro molto duro ma che porta tantissime soddisfazioni, come ogni impiego che si fa per passione. Creatività, una grande propensione alla leadership e alla collaborazione sono sempre apprezzate ma in questo settore lo sono ancora di più.

Parti dalle conoscenze di base per approcciarti alla professione

Il giusto percorso per diventare Food and Beverage Manager non esiste. Si può però fare riferimento a una base comune per molti professionisti che oggi operano in questo settore: il diploma alberghiero.

Ti ricordo infatti che le basi di conoscenza a livello economico possono rivelarsi utili per agire efficacemente in questo mercato. Anche un laureato in economia mosso dalla volontà di approfondire le conoscenze nell’ambito degli eventi legati alla ristorazione può quindi diventare un ottimo professionista.

Questo non significa però che se non hai questo tipo di qualifiche tu non possa permetterti di accedere a questa mansione.

Un food and beverage manager può essere mosso dalla passione, dalla curiosità o semplicemente dalla voglia o dal bisogno di nuove sfide lavorative, pur provenendo da un’altra tipologia di studi.

Anche la conoscenza di almeno due lingue straniere potrebbe rivelarsi molto utile. 😉

Segui un corso specifico

Appurato che le competenze sono fondamentali, tocca quindi a te agire affinché tu possa raggiungere un livello eccellente.

Con un corso di food and beverage manager adeguato potrai imparare a:

  • gestire i vari reparti del settore
  • conoscere la disposizione delle sale, utile per la gestione ottimale degli spazi per eventi
  • conoscere le necessità degli ospiti della struttura
  • apprendere le strategie di creazione del menù per offrire un’esperienza unica al cliente
  • imparare a scegliere le materie prime ed i fornitori massimizzando i profitti
  • avere capacità di leadership per gestire le risorse e la loro preparazione
  • conoscere a menadito le procedure del servizio e del lavoro di ogni singolo membro del team in modo da renderlo operativamente funzionale e profittevole per l’attività complessiva

Puoi trovare il corso in food and beverage manager più adatto a te in molte città. Milano, Roma, Torino e altre tra le più grandi propongono corsi più o meno lunghi.

Semestrali e annuali oppure giornalieri e nei week-end, a seconda delle esigenze specifiche o focalizzati su determinati aspetti del mestiere.  Tra questi ti suggerisco i corsi della Italian Food Academy e i corsi e workshop del Masterprogressgroup.

Italian Food Academy Food and beverage manager corsi

Inoltre, sul sito dell’Associazione Italiana Food & Beverage Manager potrai rimanere sempre aggiornato sui corsi in partenza e le attività pratiche.

Master food and beverage manager


Ecco qui siamo arrivati alla fine. Penso di averti detto proprio tutto su come diventare food and beverage manager: ora hai capito perché è una figura così importante nel mondo degli eventi?

Doti come dinamicità, organizzazione, duttilità, controllo e competenza sono indispensabili per trasformare qualsiasi evento in un successo. E seguendo un corso adeguato anche tu puoi aspirare a diventarlo.

E magari potrebbe interessarti anche un corso di cake design per arricchire il tuo CV, oppure come realizzare un aperitivo rinforzato per tutti gli ospiti e facilitare gli spostamenti.

Cosa aspetti, tocca a te passare dalla teoria alla pratica!

Alla prossima!