Meeting Hub Meeting Hub blog
hotel gay friendly

Hotel gay friendly

Lo sai che esistono alberghi riservati a lesbiche, gay, bisessuali e transessuali? Leggi questo articolo e scoprirai il mondo degli hotel gay friendly!

 

Qualche anno fa, durante un mio viaggio in Gran Bretagna, sono passato da Manchester. Ero in anticipo sulla tabella di marcia, e quindi mi sono preso un paio d’ore per respirare l’aria fresca profumata di mare del Nord.

Costeggiando un canale sono finito in una via popolata di bar e locali. Mi sono avvicinato ad un’insegna… raffigurava un uomo travestito da donna con una scritta inequivocabile: gay show.

Passando oltre, mi sono accorto che non era l’unico. L’intera via era piena di locali gay!

In quel momento mi sono reso conto che esiste un intero mercato fatto di persone non eterosessuali. Intorno ad esso, ovviamente, sono nati una serie di business.

Non devi pensare che si tratti solo di bar o locali notturni. Infatti, esistono hotel definity gay friendly che si rivolgono proprio a questa nicchia offrendo servizi alberghieri ad hoc.

In questo articolo ti svelerò il segreto che permette agli hotel gay friendly di differenziarsi e fare un sacco di soldi.

 

QUALCHE CENNO SUL FENOMENO LGBT 

Il mondo intorno a cui gravita l’omosessualità viene definito LGBT.

Ma cosa significa?

  • L sta per lesbiche. Sono donne attratte sessualmente da altre donne.
  • G sta per gay. Sono uomini attratti sessualmente da altri uomini.
  • B sta per bisessuali. Sono uomini e donne attratti indistintamente dai due sessi.
  • T sta per transessuali. Sono uomini e donne che non si riconoscono nel loro sesso biologico.

Sono i quattro modi non-eterosessuali di vivere la propria sessualità. Naturalmente ogni categoria ha esigenze e visioni del mondo differenti, e anche all’interno dei sottogruppi LGBT c’è una grande varietà di sensibilità e ideologie.

Tuttavia, nonostante le differenze, tutti sono interessati da problematiche comuni, di cui la principale è la discriminazione sociale.

Gay, lesbiche, transessuali e bisessuali, insomma, non amano essere visti come “diversi” per via delle proprie inclinazioni amorose.

Questo ha portato alla definizione di un esteso target di clienti che chiede alle strutture un servizio ben preciso: vuole sentirsi accettato.

 

GLI HOTEL GAY FRIENDLY

icona gayPer questo motivo intorno al mondo LGBT è sorto un mercato di strutture alberghiere che viene definito gay friendly.

In questi hotel viene garantito il comportamento rispettoso del personale e degli ospiti.

Alt! Sarai forse confuso perché penserai che gli hotel normali non possono maltrattare o discriminare la clientela in base alle sue preferenze sessuali… e infatti hai ragione!

D’altra parte dimentica l’idea che gay friendly significhi “riservato al mondo LGBT”. Le strutture gay friendly non sono templi della trasgressione. Non succede nulla di scabroso nella hall dell’hotel e negli altri spazi della struttura.

Semplicemente, la direzione garantisce la totale assenza di disguidi e situazioni imbarazzanti legati alle tendenze sessuali degli ospiti.

Per esempio, quando in un hotel si presenta una coppia di uomini, di solito la reception offre una camera con 2 letti separati dando per scontato che due maschi non gradiscano di dormire nello stesso letto. In un hotel gay friendly questa domanda invece non viene mai posta. L’idea di un letto matrimoniale condiviso da due persone dello stesso sesso è considerata una prassi comune.

Inoltre, un hotel gay friendly è specializzato nell’offrire servizi a persone che vivono una sessualità “diversa”, e di conseguenza conoscono il mondo gay dei paraggi. I clienti possono quindi trovare consigli sugli svaghi durante la permanenza nella struttura.

Naturalmente noi utilizziamo l’etichetta Gay Friendly per tutti i tipi di strutture atte ad ospitare persone LGBT, ma ciò non toglie che esistano delle sottocategorie più specializzate.

 

TIPI DI HOTEL GAY FRIENDLY

In genere gli hotel gay friendly si dividono in:

Gay only. Frequentati solo da uomini omosessuali.

Lesbian only. Frequentati solo da donne omosessuali.

Etero-friendly. Per una clientela prevalentemente omosessuale, ma aperta anche agli eterosessuali.

Gay owned. Di clientela mista, ma di proprietà o in gestione di persone omosessuali.

 

In Italia esistono vari hotel gay friendly. Ci sono addirittura siti specializzati e aggregatori per vacanze gay.

Tu conosci strutture gay friendly? Segnalacelo nei commenti!

 

Michele Ghilardelli

Michele Ghilardelli

Michele Ghilardelli

Ebook Meeting Hub

Inserisci i tuoi dati e riceverai gratuitamente via mail l'Ebook completo.

Ben fatto! A minuti riceverai via mail l'Ebook!
Oh oh! qualcosa è andato storto! Riprova più tardi!

Articoli Correlati