Come è strutturato un impianto audio per conferenze? Ecco le basi che devi sapere per evitare ai partecipanti del tuo meeting di tornare a casa con le orecchie distrutte. 

icona orecchioDurante le mie peregrinazioni per meeting ed eventi, mi è capitato spesso di entrare in una sala conferenze e non capire assolutamente niente.

No, l’argomento non c’entra niente.

Il problema non ero io che non ero ferrato sull’argomento, ma era l’impianto audio per conferenze.

  • Certe volte il relatore parlava nel microfono ma non si capiva nulla. Tra i fischi di interferenza da sfondare i timpani e la eco delle casse, ascoltare la conferenza era un vero e proprio supplizio per le orecchie. Un diavolo torturatore in versione audio…
  • A volte mancava completamente l’amplificazione. In quei casi il relatore sembrava chiamare il pubblico dal fondo di un canyon: ehi siete quiiiii??? Mi sentiteeee???

Ora ci scherzo su, ma quando un partecipante ad un evento nel mezzo della situazione non lo trova per nulla divertente…

Chi ci perde davvero, però, è il meeting planner, che fa una brutta figura di fronte ai partecipanti dando l’impressione di essere poco professionale. Per questo ho scritto questo articolo: per evitarti gli errori più gravi e allestire un impianto audio adatto per una conferenza.

Leggi tutto con attenzione, e i partecipanti usciranno dalla sala conferenze felici e con le orecchie sane!

Errori da non fare

icona avvertenzaPartiamo dagli errori di base, e purtroppo anche i più comuni.

Fai da te

Il principe degli errori in questo campo è il volere fare tutto da soli.

Se non hai fatto il corso per diventare tecnico del suono, non puoi allestire un impianto audio per una sala conferenze. E probabilmente avresti grosse difficoltà tecniche anche a gestirlo.

Infatti, bisogna avere una conoscenza approfondita dell’acustica per ridurre l’eco e i riverberi, idem per ottimizzare la resa dell’impianto.

Consiglio spassionato: quando hai a che fare con un impianto audio per eventi, rivolgiti ad un professionista.

Usare sistemi non progettati per lo scopo

Vuoi fare una conferenza seria oppure un ritrovo tra amici?

Se la tua risposta è “conferenza seria”, non puoi usare impianti audio di fortuna. Insomma, niente stereo da casa. Solo attrezzature professionali adatte per l’installazione in sala conferenze!

Per fortuna puoi ovviare a questo inconveniente scegliendo una sala meeting con impianto audio professionale. Così puoi ovviare alla maggior parte delle seccature.

Ok, ma come faccio a riconoscere una sala meeting con un impianto audio per conferenze ben fatto?

Risponderò a questa domanda nel prossimo paragrafo.

Impianto audio per conferenze: gli strumenti

Microfoni

icona microfonoSono gli apparecchi da cui proviene il suono che viene amplificato dall’impianto audio. Insomma, la base di tutto!

Ma in sala meeting non vengono impiegati tutti i tipi di microfono…

Quali microfoni per conferenze?

Nel campo congressuale sono molto diffusi i microfoni dinamici.

Sono caratterizzati da una grande adattabilità ad ogni situazione, anche se la qualità del suono non è altissima. Intendiamoci però: non significa che restituiscono la qualità di una chiamata telefonica, ma che non sono adatti a registrazioni in HQ come quelle in sala di incisione (dove tra l’altro viene usato un altro tipo di microfono).

Durante una conferenza non è fondamentare captare il suono delle gocce di sudore che scendono dalla fronte del relatore… basta che le parole siano chiare e il suono limpido.