Meeting Hub Meeting Hub blog
firma su lettera di referenze

Lettera di referenze: esempi su come scriverla

Forse non ci hai ancora pensato ma il tuo ex datore di lavoro può essere il tuo miglior biglietto da visita in una nuova realtà professionale. 

Con la lettera di referenze ti può concretamente aiutare nell’estenuante ricerca di un nuovo lavoro.

Ti hanno licenziato per necessità aziendali anche se la qualità del tuo lavoro è stata impeccabile? Hai deciso di rischiare e fare domanda per una posizione a cui tieni tanto?

icona bustaMentre sarai angosciato da dubbi, domande, speranze…nella tua testa riuscirai solo a pensare se finiranno almeno di leggere il tuo curriculum, se si fideranno di te, se nella foto che hai messo sembri un mafioso, se l’antico vaso verrà messo in salvo e altre 100.000 paranoie.

In tutto ciò forse non sai che il tuo ex capo può dare la svolta con la sua lettera di referenze, dove ovviamente deve parlare bene di te!

In qualunque azienda, ufficio, impresa o ente tu abbia proposto la tua candidatura, di sicuro non sei stato l’unico.

Per lasciare il segno, devi avere qualcosa che faccia notare al selezionatore che tu sei diverso. Innanzitutto bisogna essere:

  • chiari: il datore di lavoro deve inquadrarti con il minimo sforzo
  • concisi: nessuno ha voglia di leggere pagine e pagine di informazioni
  • precisi: all’azienda interessa sapere chi sei nella vita lavorativa, non gliene frega un tubo di cosa fai nel tempo libero, quindi è essenziale dire quello che vogliono sapere e non divagare

Insomma, perché la nuova azienda ti scelga non deve avere dubbi su di te, deve aver ben chiaro esattamente chi sei.

Per ovviare tutti questi punti oscuri, una delle cose che puoi fare è allegare al CV una lettera di referenze del tuo ultimo datore di lavoro.

Si ma, cos’è e come si scrive? Esiste un esempio o un fac simile dal quale si può prendere spunto?

Proviamo insieme a scoprire tutto questo, che dici?

Cos’è una lettera di referenze?

Mani che scrivono al portatile

La lettera di referenze è uno strumento che mostra in modo totalmente oggettivo perché, nonostante le competenze, le qualità professionali e umane del candidato, il rapporto di lavoro precedente si è interrotto.

Un selezionatore davanti ad un curriculum probabilmente avrebbe mille domande da fare, però non può chiedere al candidato.

Ok che siamo tutte brave persone, che siamo sinceri e abbiamo la spillina con scritto “I’m a good person” sul petto; però in totale onestà, chi di noi ad un colloquio risponderebbe no a domande come:

  • sei puntuale? No.
  • ti piace lavorare in gruppo? No.
  • Hai un buon rapporto con le persone? No.

Eppure la maggior parte di noi arriva sul filo del rasoio, odia qualche collega troppo saccente oppure ha un autocontrollo ammirabile con la gente ma sotto sotto nasconde una sala delle torture.

Un selezionatore ha bisogno di informazioni di cui si può fidare ciecamente e spesso le parole che l’ex capo scrive nella lettera di referenza pesano più di una persona che loda se stessa.

Ecco perché questo tipo di lettera andrebbe scritta dal datore di lavoro.

Se sei ferrato in grammatica avrai notato il condizionale: andrebbe.

Si, perché i datori di lavoro hanno problemi ben più grandi che aiutare una persona che vale ad andare dalla concorrenza, spesso non hanno tempo o non lo trovano, e quindi la lettera viene scritta, almeno in bozza, dal lavoratore stesso.

Vengono impostate la forma e lo stile, lasciando poi al datore di lavoro il compito di personalizzarla e di inserire le sue opinioni o le informazioni che vuole dare a chi si troverà nella sua posizione dopo di lui e dovrà decidere se sceglierti o no.

Ricorda però di dire sempre al tuo ex capo per quale motivo ti serve.

Ricordi? Le aziende e le imprese vogliono delle risposte precise, più le informazioni sono precise e più fanno centro. Sapere per cosa si scrive significa sapere cosa mettere in risalto, cosa scrivere in grassetto e in corsivo per obbligarli a notarti!

E mi raccomando, scrivi la lettera di referenze sempre su carta intestata: la professionalità viene notata, dà autorità, ufficialità e importanza al contenuto.

Non si può fare colpo scrivendo su noiosa e anonima carta bianca che sembra il foglietto con cui si copiava alle superiori.

E non dire che non l’hai fatto, nessuno si studia i decimali del pi-greco a memoria. Lo so che te lo ricordi, probabilmente il pizzino sta ancora nel tuo astuccio!

A questo punto una domanda sorge spontanea, ma che ci scrivo?

Lettera di referenze: esempio per scriverla al meglio

mano che firma una lettera di referenza

Innanzitutto ricordiamoci che ci sono tre parti fondamentali che, cascasse il mondo, non si possono dimenticare:

  1. Nel primo paragrafo vanno menzionati il nome del candidato, il nome dell’impresa, le date di inizio e fine del rapporto di lavoro e il titolo del posto occupato. Possono essere scritti in modo discorsivo, o in un elenco puntato, in tabella, non importa, ma i soggetti devono essere chiari fin da subito.
  2. Nella seconda parte ci va tutto quello che riguarda il candidato: mansioni, responsabilità, qualità. Deve essere una specie di riassunto della sua vita lavorativa. Qui è dove bisogna osannarlo se se lo merita, lodare le sue doti e minimizzare i suoi punti deboli per favorirlo nella ricerca di una nuova occupazione.
  3. Ecco il momento tanto atteso: questo è lo spazio dove va scritto il perché il contratto di lavoro si è interrotto. Congiunture economiche? Crisi? Cambio aziendale? Mancanza di fondi? Termine della necessità di un dipendente in quel ruolo? Ambizione del dipendente che non può essere soddisfatta dall’azienda? Qualunque cosa sia, l’ex capo deve spiegare apertamente e chiaramente il motivo che ha portato al licenziamento o che ha spinto il lavoratore ad andarsene.

Detto sinceramente, il terzo paragrafo contiene il vero motivo della lettera, l’informazione che il selezionatore sta cercando e che sa di poter trovare solo in una lettera di referenze.

Non dico di scrivere male il resto, però la terza parte merita tutta la tua attenzione.

  1. Ultimo punto, l’amata burocrazia italiana: formule di cortesia, di formalità totale con Cordiali Saluti e bla bla bla.

Aldilà di formule e schemi, è il contenuto della lettera che deve spaccare!

Attento perché non deve essere una copia del curriculum o della lettera di presentazione, è qualcosa di diverso.

Deve essere una sorta di elenco di pregi. Deve essere qualcosa che si avvicini ad una dichiarazione d’amore togliendo tutto il romanticismo.

Fac simile di una lettera di referenza

mano di business man che firma lettera di referenza

Finalmente è giunto il momento di vedere qualche esempio, le formule si possono tranquillamente copiare cambiando però i dati e integrando nuove informazioni.

Quelli che ti proporrò sono dei fac simili dai quali potrai prendere spunto, ma ricorda che dovrai metterci del tuo se vuoi lasciare il segno.

Ecco tre modelli di lettera di referenze:

 

  1. _____ ha lavorato presso la nostra azienda _____ dal _____ al _____ nel ruolo di _____.

_____ si è mostrato corretto e preciso nel suo incarico, mostrandosi sempre (super qualcosa, molto qualcos’altro di positivo, e un sacco di cose fantastiche). Posso sostenere che tutte queste qualità e competenze lo hanno reso un valido collaboratore per la nostra azienda.

Purtroppo _____ (motivo che ha portato alla rottura del rapporto di lavoro).

Sono certo che qualora scegliate _____ avrete la possibilità di confermare quanto ho espresso in queste poche righe.

Resto disponibile a fornire tutte le informazioni che mi saranno ulteriormente richieste.

Cordialmente.

The boss.

 

  1. Gentili Signori,

con la presente vi informo che il Signor/la Signora ______ ha lavorato presso la nostra impresa _____ dal ____ al ____ in qualità di _____.

Durante il periodo speso presso di noi ha mostrato _____ ( tutte le cose belle del mondo, da “faceva delle ottime fotocopie” a “ha rinnovato l’azienda con idee innovative e futuristiche”).

Tutto questo ha fatto in modo che il Signor/ la Signora _____ sia stato per noi un prezioso punto d’appoggio all’interno dell’attività aziendale.

Preciso, inoltre che il nostro rapporto di lavoro è terminato a seguito di _____ .

Resto a Vostra disposizione per eventuali ulteriori informazioni.

Cordiali Saluti

The boss.

 

  1. Io sottoscritto _____, in qualità di responsabile del reparto ____ dell’azienda ____, attesto che il Signor/ la Signora _____ ha prestato la sua attività lavorativa nel periodo _____. In questo periodo ha assunto il ruolo di _____.

Ha svolto questo ruolo con _____ (dedizione, puntualità, competenza…).

Nel periodo passato insieme, le caratteristiche principali che abbiamo apprezzato di _____ sono state: _____. Inoltre, _____ si è distinto per _____. Tutte queste particolarità l’hanno reso essenziale per la nostra attività.

Purtroppo non è stato possibile proseguire il nostro rapporto di lavoro per scelte _____ (aziendali o personali) dettate da nuovi obiettivi.

Sono a disposizione per ogni ulteriore informazione richiesta.

Cordialmente

The boss.

Lo so, forma e stile si assomigliano ma si sa, noi italiani siamo abitudinari e tradizionali!

Detto questo e scritta la bozza non ti resta che aspettare che il tuo ex capo ci metta del suo: un po’ di dispiacere perché te ne vai da un lato e molta stima di te dall’altro. Ah, e una bella firma al fondo.


Sei pronto per spiccare il volo!

Siamo quasi alla fine, spero che tu abbia scoperto qualcosa di utile.

Forse ho dimenticato un piccolo dettaglio: la lettera di referenze va chiesta!

Parla con il tuo capo, fai attenzione che abbia chiaro ciò che richiedi e sfrutta il rapporto personale che hai instaurato con lui per assicurarti il suo impegno.

Le esperienze, il curriculum e la lettera di presentazione sono importanti, ma non sottovalutare quello che una lettera di referenza può fare: il tuo ex capo può essere un vero e proprio sponsor!

Monica Semperboni

Monica Semperboni

Ebook Meeting Hub

Inserisci i tuoi dati e riceverai gratuitamente via mail l'Ebook completo.

Ben fatto! A minuti riceverai via mail l'Ebook!
Oh oh! qualcosa è andato storto! Riprova più tardi!

Articoli Correlati