Microinfluencer marketing, micro e macroinfluencer, i big, le spunte blu… che confusione!

Se ti senti sopraffatto da tutti questi termini e non sai se sia meglio un influencer da mille follower o uno da un milione per migliorare la tua visibilità sui social media… sei nel posto giusto!

Continua a leggere e non avrai più dubbi su quale influencer sia meglio scegliere per la tua prossima campagna sui social!

Ma andiamo con ordine. Forse ricorderai che ti abbiamo parlato degli influencer italiani e di come ingaggiarli in questo articolo.

Oggi voglio spiegarti la differenza che esiste tra i diversi tipi di influencer, in particolare tra i profili social micro e macro e quale tipologia scegliere in base al tuo business.

Pronto a scoprire il magico mondo degli influencer? Bene, inziamo!

I microinfluencer

I micro influencer sono persone comuni con profili che hanno meno di 10.000 seguaci e parlano a un target ben preciso, di nicchia.

Hanno un profilo dedicato alle proprie passioni e ai loro hobby e perlopiù vi si dedicano nel tempo libero.

Microinfluencer al lavoro

Il loro rapporto con i follower è molto stretto e hanno alti tassi di coinvolgimento, proprio perché hanno tempo di dedicarsi a loro, a rispondere ai commenti, a interagire attraverso storie e post facendo attenzione a quello che davvero piace al loro pubblico.

I macroinfluencer

I macroinfluencer, o mega influencer, come nel caso di della nostrana Chiara Ferragni, sono personaggi famosi,  molto conosciuti.

Questo tipo di influencer sono spesso celebrità che contano centinaia di migliaia, se non milioni, di follower.

Collaborare con profili di questo calibro consente sicuramente un’ottima visibilità al tuo prodotto, ma la loro interazione con il pubblico è inferiore (prova tu a stare dietro a migliaia di commenti ogni giorno) e i follower potrebbero vederli come un po’ distanti dalla propria quotidianità.

Ragazza fa shopping

Ora che abbiamo identificato chi sono i microinfluencer e i macroinfluencer, vediamo quali sono i pro e contro per la strategia di marketing del proprio brand!

Pro e contro dei microinfluencer

Parlano di cose in cui credono

Nella stragrande maggioranza dei casi, questi profili sono nati per condividere una passione o un hobby tramite i canali social.

Puoi essere sicuro che un microinfluencer sarà ben informato e sinceramente appassionato al tema che tratta e saprà trasmettere il suo entusiasmo ai follower.

Interagiscono con i loro follower

Può sembrare banale, ma un influencer che risponde ai commenti, alle domande e in generale ha uno stretto rapporto con il suo pubblico fa davvero la differenza nell’ottica di una strategia di influencer marketing.

Ragazze si fanno un selfie

Crea un rapporto di fiducia e trasparenza: valori che immagino tu voglia vedere associati al tuo brand!

Sono influencer autentici

Proprio perché i follower li sentono vicini e sentono di condividere gli stessi desideri e la stessa quotidianità, i micro influencer riescono ad apparire autentici rispetto a una celebrità: prova a immaginare di dover pubblicizzare una dieta.

Una star con personal trainer e palestra in casa che la sponsorizza fa un effetto diverso, rispetto a una ragazza normale che deve barcamenarsi tra mille impegni, esattamente come il tuo target!

Il budget

Ingaggiare Lady Gaga puoi immaginare abbia un costo diverso, rispetto ad un influencer da 3.000 follower. 

Certo, non sono propriamente economici nemmeno i microinfluencer ma di certo riuscirai a portare a casa un bel post e parecchie interazioni anche con il budget più ristretto. 

Sono più facili da contattare

Basta andare sui loro profili social per trovare tutti i contatti per delle collaborazioni: i microinfluencer spesso gestiscono i loro contratti da soli e non dovrai passare per mille uffici, segretarie e assistenti prima di poter parlare con loro. Un bel risparmio in termini di tempo!

Visibilità ridotta

Ovviamente rispetto ai macro, il post di un microinfluencer verrà visto da meno persone.

Ma aspetta! È meglio avere meno interazione ma più conversioni che viceversa e tendenzialmente il pubblico di un micro influencer sarà più a target e più interessato rispetto ai follower di un macro.

Meno controllo sulla creatività

I microinfluencer raramente vivono solo di collaborazioni: molto spesso, anzi, hanno dei lavori normali e si dedicano ai loro profili nel tempo libero

Food influencer fotografa una pizza

I loro post sono spesso più artigianali (per quanto raggiungano livelli molto alti di qualità), rispetto ai post curatissimi delle star con uno stuolo di grafici e fotografi professionisti al loro servizio.

Se decidi di contattarli e iniziare una collaborazione, difficilmente avrai controllo sul post e sulla comunicazione – che sarà portata avanti sulla falsariga del loro stile, non del tuo o della tua azienda! Quindi, scegli bene i tuoi influencer fin da subito e collabora solo con quelli in linea con le tue idee!

Pro e contro dei macroinfluencer

Maggiore controllo sui post

Quando ti relazioni con una star o un macroinfluencer, difficilmente parlerai direttamente con lui o lei: avrai invece a che fare con un ufficio stampa, un manager o un assistente personale che si occupa delle collaborazioni.

Hai a che fare con dei veri professionisti della comunicazione e puoi dare istruzioni precise su cosa e come comunicare aspettandoti che il risultato sia conforme alle tue aspettative!

Visibilità e fama assicurate!

Questo vantaggio è quasi banale: i profili dei macroinfluencer hanno un numero di follower altissimo: sono seguiti da milioni di persone in tutto il mondo e il tuo prodotto avrà una visibilità pazzesca.

Macroinfluencer in barca

Inoltre verrà – almeno per un certo periodo – associato a quella celebrità e al suo stile di vita… quindi incrocia le dita, può essere un’arma a doppio taglio!

Meno fiducia

Il mondo di internet e dei social ci ha insegnato a non credere a tutto quello che vediamo: il pubblico può faticare a credere che un macroinfluencer usi davvero un certo prodotto e potrebbe sospettare che stia solo facendo pubblicità per intascare un assegno.

Fama, in questo caso, non sempre garantisce autenticità.

Pronto a sborsare?

I macroinfluencer non costano poco, anzi.

Possono garantirti che i loro milioni di follower vedranno il tuo prodotto e questo ha un costo, di solito piuttosto alto.

Attenzione, non garantiscono conversioni però!

Micro vs Macroinfluencer

Quindi? ti ho dato una lista di pro e contro sia per i microinfluencer che per i macroinfluencer. 

Ti starai chiedendo: ora cosa faccio, chi scelgo per la mia campagna marketing?

La risposta è: dipende.

Dipende dal tuo budget, dai tuoi obiettivi, dal tuo target e della tua strategia di marketing. 

Se il tuo prodotto è dedicato a nicchie specifiche, ad esempio mamme vegane e attente all’ambiente il mio consiglio è trovare una microinfluencer che tratti questo tema: il rapporto di fiducia che ha instaurato con le sue follower metterà in buona luce il tuo prodotto e sarai sicuro di parlare al giusto target.

Se invece devi pubblicizzare una macchina di lusso super accessoriata, meglio se inizi a metterti in contatto con qualche star internazionale – difficilmente la mamma vegana avrà un pubblico interessato a tutti quei cavalli e ai dettagli cromati!

Come in ogni strategia di marketing e comunicazione, anche nella scelta degli influencer è fondamentale che tu abbia ben chiari i tuoi obiettivi di business e il tuo target. Solo dopo averli definiti potrai iniziare la ricerca dell’influencer ideale.

Microinfluencer fotografa dei prodotti

Nel caso di un evento? Ha senso ingaggiare le star del web a partecipare al tuo evento per ottenere maggiore visibilità?

Nel caso tu voglia sponsorizzare la tua location, potrebbe avere senso offrire un soggiorno all’influencer che ritieni sia in linea con la filosofia del tuo business?

Ne parleremo nel prossimo articolo!

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter tramite il box qui a lato!