Secondo molte persone la penna digitale è un oggetto destinato a cambiare per sempre il nostro modo di approcciarci alla scrittura.

C’erano una volta i cari vecchi taccuini formati da pagine di carta più o meno sottile, rivestimento rigido e laccio elastico di chiusura, indispensabili per a

nnotare semplici informazioni o per custodire pensieri, sogni, emozioni.

Ora non sono quasi più usati. A renderli obsoleti ci ha pensato la tecnologia, il boss del nuovo millennio che è riuscito a sottomettere il mondo intero con l’invenzione di 2 dispositivi: gli smartphone e i tablet.

icona astronauta

È inutile negarlo. Al giorno d’oggi siamo tutti schiavi della tecnologia, anche se esistono schiavi più fedeli e altri che cercano di ribellarsi.

Basta guardarsi intorno per accorgersene. Ci hai mai fatto caso?

Per strada ormai ci sono solo persone che camminano con lo sguardo fisso sul proprio smartphone.

Non importa in che luogo ci troviamo, lo schermo del nostro dispositivo tecnologico esercita su di noi un’attrazione talmente forte da far passare in secondo piano ciò che ci circonda.

Per farti capire cosa intendo ti voglio raccontare quello che mi è successo un po’ di tempo fa in università.

Tutti gli studenti del primo anno di magistrale erano stati caldamente invitati a seguire un seminario tenuto da un famoso sociologo. Inutile dire che quasi nessuno voleva andarci, era maggio e faceva un caldo bestiale.

Tuttavia presenziare in tali occasioni e, meglio ancora, mostrare un certo interesse ti permette di fare bella figura col professore che ha organizzato l’evento e che

in un futuro non lontano avrà il compito di valutarti all’esame.

Quindi eccoci lì, seduti e ingobbiti sui nostri quaderni a prendere appunti.

A un certo punto un mio amico, probabilmente più annoiato degli altri, mi chiama chiedendomi il titolo di quella canzone che avevamo ascoltato qualche ora prima in macchina.

“Continuo a dimenticarmelo, adesso me lo segno, mi dice. Io glielo ricordo e quello che succede dopo mi stupisce molto.

Lui posa la penna sul quaderno, estrae il cellulare dalla tasca, lo sblocca, apre l’applicazione delle note, si segna il titolo della canzone e mi ringrazia.

Io scherzosamente gli faccio notare che in 2 secondi avrebbe potuto segnarsela sul foglio, dato che aveva già in mano la penna. Lui sorridendo mi risponde: “È vero, non ci avevo neanche pensato, è l’abitudine”.

Incredibile, vero?

Siamo talmente schiavi di questi dispositivi tecnologici che non ci rendiamo conto di quanto siano utili carta e penna in un’azione immediata come quella della scrittura.

La penna digitale è un oggetto da molti ritenuto rivoluzionario, inventato proprio per cercare di instaurare un dialogo tra i tradizionalisti della carta e i sostenitori del digitale.

In che modo?

Te lo spiego subito.

Che cos’è una penna digitale?

icona penna digitaleSe non hai mai sentito parlare di penna digitale, o digital pen, oppure ancora smart pen, potresti essere indotto a pensare che quello che ti sto per descrivere è un pennino ideato per gli schermi di dispositivi touch come i tablet e gli smartphone.

Invece no.

Si tratta di una penna a tutti gli effetti, dotata di punta a sfera e comune inchiostro intercambiabile, pensata dunque per scrivere su fogli di carta.

Fin qui nulla di speciale. So già che ti starai chiedendo che differenza c’è con una comunissima biro, vero?

A prima vista nessuna, appunto, se non l’estrema leggerezza e il design elegante che la rendono un oggetto desiderabile, cosa che non si potrebbe certo dire della cara vecchia bic.

Che cosa la rende così speciale? La sua capacità di digitalizzare tutto ciò che tu scrivi a mano su un foglio di carta. 

Ti spiegherò nel paragrafo successivo in che modo riesce a fare ciò, per adesso voglio solo che tu capisca l’estrema utilità di tale strumento.

Non so te, ma io quando devo ricordarmi qualcosa tendo a prendere carta e penna e appuntarmela sul primo foglio che mi capita sotto mano. Risultato?

Dopo una settimana sono sommersa di bigliettini sparsi per tutta la casa e quando devo cercarne uno in particolare non ricordo mai dove si trova.

Oppure quando qualcuno mi chiede di passargli gli appunti dell’università sono costretta a fotografarli pagina per pagina, sperando che la mia grafia sia abbastanza comprensibile e la qualità delle foto accettabile.

Anche a te capita di trovarti in situazioni del genere? Allora la digital pen ti rivoluzionerà la vita.

Basta semplicemente impugnarla e iniziare a scrivere, sia che si tratti di un promemoria, un disegno o un testo più complesso lei digitalizzerà simultaneamente la tua scrittura, creando un documento che potrai salvare e visualizzare sul tuo dispositivo preferito.

Niente più foglietti sparsi per casa e pile infinite di appunti. Avrai la possibilità di archiviare tutto ciò che ti serve nel tuo backup digitale e, da lì, modificare i documenti o condividerli con amici e colleghi.

Insomma, un connubio perfetto tra tradizione e innovazione, che ti permette di sfruttare i vantaggi offerti dalla tecnologia senza rinunciare al fascino di usare carta e penna.

Se potrebbero interessarti nuove applicazioni per prendere appunti in fretta ti consiglio di leggere l’articolo Le migliori app per prendere appunti.

Come funziona una digital pen?

icona penna stilograficaAbbiamo appena visto che la penna digitale ha lo scopo di digitalizzare tutto ciò che tu scrivi su un foglio di carta, ossia trasforma il testo in un file digitale visibile su computer, tablet e smartphone.

Ora è giunto il momento di capire in che modo è in grado di compiere una tale magia.

Il dialogo tra cartaceo e digitale può avvenire in 2 modi, tutto dipende dal modello di penna che stai usando:

1. Penne digitali dotate di sensore di movimento e ricevitore

Iriscan

Non appena si inizia a scrivere il sensore percepisce il movimento della penna e invia un segnale a un apposito ricevitore posto in cima al foglio e dotato di schermo lcd, che acquisisce tutto il testo in formato digitale e lo salva nella propria memoria.

Quando si ha finito di scrivere basta collegare il ricevitore al pc tramite cavo usb per scaricare tutti i file sul portatile, previa istallazione di un programma apposito.

Vantaggi: si può scrivere su qualsiasi tipo di carta. Svantaggi: il riconoscimento della scrittura non è sempre ottimale.

2. Penne digitali dotate di microcamera a infrarossi

Livescribe

Questo tipo di penne digitali, a differenza delle precedenti, non inviano segnali a un ricevitore ma interagiscono direttamente con un dispositivo (smartphone o tablet) tramite un app che è possibile scaricare gratuitamente.

Quando si inizia a scrivere la telecamera posta all’estremità della penna registra parole, schemi e disegni che contemporaneamente sono visibili anche sullo schermo del dispositivo collegato tramite bluetooth.

Vantaggi: esperienza d’uso più completa (possibilità di condividere velocemente i documenti o aggiungere registrazioni vocali), maggiore precisione nella digitalizzazione grazie alla presenza della telecamera, che consente alla penna di riconoscere in modo preciso la sua posizione all’interno della pagina.

Svantaggi: è necessario scrivere su appositi taccuini dotati di carta micro-puntinata.

Di quest’ultimo gruppo fa parte anche la smartpen di Moleskine. Ne hai già sentito parlare?

Moleskine Smart Writing Set

Con molta probabilità ne riconoscerai il marchio, visto che si tratta di un’azienda leader nella produzione di taccuini con copertina morbida o rigida e tipico elastico di chiusura.

I tempi, però, stanno cambiando e per adeguarsi alle abitudini della gente anche Moleskine, che da più di un secolo ormai fa della carta stampata la sua fortuna, ha deciso di aprire le porte alla tecnologia.

Come? Ideando un nuovo kit di scrittura intelligente chiamato Smart Writing Set Moleskine, che non ti costringerà più a dover scegliere tra cartaceo e digitale.

moleskin smart writing set

Ad un prezzo di 229 euro potrai avere tra le mani un set che comprende:

  • La Pen+: una penna smart digitale dotata di microcamera a infrarossi, pulsante d’accensione e relativa spia luminosa che indica quando è in funzione, ingresso micro usb per ricaricarla.
  • 1 ricarica d’inchiostro. Si tratta di una comune cartuccia di tipo D1 mini, acquistabile in qualsiasi cartolibreria.
  • Un Paper Tablet, chiamato così perché si tratta di un taccuino di carta le cui forme ricordano quelle di un tablet. Grazie alla tecnologia Ncoded e alla speciale carta micro-puntinata la penna è in grado di capire in ogni momento la sua esatta posizione all’interno del foglio. Ogni pagina ha una mappatura univoca, ciò significa che per ogni nuovo foglio in cui si inizia a scrivere il software crea un diverso file digitale. Se hai necessità di condividere velocemente qualcosa che hai scritto puoi cliccare in alto a destra, sull’icona a forma di busta presente su tutte le pagine, e in un attimo il testo sarà inviato tramite e-mail in formato pdf. Una funzionalità davvero comoda, non credi?
  • Cavo usb per ricaricare la penna
  • Manuale utente
  • Bloc-notes con la storia di Moleskine

Dopo aver estratto tutti gli oggetti dalla confezione non puoi iniziare subito a scrivere sul taccuino. Prima devi ricordarti di ricaricare la penna digitale.

Prendi il cavo usb in dotazione e collega la Pen+ alla rete elettrica. In circa mezz’ora la carica dovrebbe essere completa.

Ebook Meeting Hub

Cerchi la location perfetta?

Scarica L’ebook

Mentre aspetti scarica l’app Moleskine Notes, che permette alla penna e al dispositivo sul quale è istallata di connettersi tramite bluetooth e di scambiarsi i dati in tempo reale.

L’app è disponibile gratuitamente sia per i dispositivi iOS sia per quelli che utilizzano il sistema operativo Android.

Il riconoscimento della penna è immediato e, una volta avvenuta la connessione, qualsiasi cosa scriverai sul taccuino sarà visibile anche sullo schermo del tuo tablet o smartphone sotto forma di nota digitale.

E se non avessi a disposizione una connessione bluetooth? Nessun problema, la Pen+ funziona anche offline. 

Ciò significa che se sei costretto a prendere molti appunti durante un viaggio o un meeting aziendale puoi tranquillamente sincronizzare tutti i dati una volta tornato a casa.

Ma vediamo nel dettaglio tutto ciò che l’app ti permette di fare una volta che il file digitale è stato creato sul tuo dispositivo:

  • Trascrizione: il software digitalizza il testo scritto da te, cioè la tua grafia viene trascritta in formato digitale.
  • Tag: possibilità di impostare specifici tag per i documenti in modo da organizzare al meglio le pagine (tag lavoro, università, famiglia ecc.)
  • Registrazione: possibilità di registrare la propria voce o qualsiasi altra cosa mentre si prendono appunti
  • Replay: funzione che permette di riascoltare ciò che è stato registrato
  • Share: possibilità di condividere un file digitale e di esportarlo in diversi formati, tra cui .jpeg, .pdf, .txt, .svg (quest’ultimo è un formato vettoriale utilissimo per grafici e illustratori)
  • Edit: possibilità di modificare font e colore del testo, evidenziare, cancellare, aggiungere note

In questo video puoi vedere con i tuoi occhi cosa è in grado di fare il Moleskine Smart Writing Set.

Allora, cosa ne pensi?

Lo Smart Writing Set di Moleskine è perfetto se sei alla ricerca di uno strumento che ti permette di avere una copia digitale di tutti i tuoi appunti, disegni e schemi senza rinunciare al piacere e alla comodità di usare penna e inchiostro per scrivere su carta.

Ti anticipo che a volte sarai costretto a dover scendere a compromessi.

Ad esempio, se sei abituato a prendere appunti velocemente e usi molte abbreviazioni o parole miste a numeri il software non sarà in grado di digitalizzarle.

Inoltre, una volta terminate le 173 pagine del Paper Tablet dovrai comprarne un altro dello stesso tipo al costo di 29,90 euro, dato che la Pen+ funziona solamente su apposita carta micro-puntinata.

Per tali motivi il Moleskine Smart Writing Set non è certo stato pensato per scrivere romanzi o testi complessi, ma potrebbe semplificare la vita di coloro che vagano sempre per casa alla ricerca di bigliettini e appunti o coloro che ogni giorno per lavoro devono creare e modificare schemi, mappe e disegni.

Se anche tu sei fra questi ti assicuro che troverai la smart pen uno strumento estremamente utile.

Sei pronto a far dialogare tradizione e innovazione, presente e futuro?

Per leggere altre notizie interessanti iscriviti alla nostra newsletter e rimarrai sempre aggiornato con il blog.

Un saluto e alla prossima!