Meeting Hub Meeting Hub blog

Come pubblicizzare una location per eventi

Hai un locale e hai bisogno di rilanciarlo? O magari ne stai aprendo uno da zero e vuoi fare il botto fin da subito? Sei nel posto giusto.

Qui puoi trovare tutti i consigli, le idee e i trucchi per avere la migliore affluenza di clienti possibile.

Focalizza il tuo target

Non disperdere le energie, ne avrai bisogno, non puoi permetterti di sprecarle.

Focalizzare il target è fondamentale per decidere come investire il proprio tempo.

Quindi cerchiamo di capire bene come individuarlo.

Prendi atto di una brutale realtà: ciò che ti sta attorno è un vasto oceano e tu sei un naufrago che deve far conoscere la sua posizione.

Non ti preoccupare, ti servirà solo un sassolino e un buon lancio così che le onde di propagazione arriveranno anche sulle spiagge più lontane.

Non importa che tu sia ubicato in un paese di medie dimensioni o al centro di una metropoli, i tuoi primi bersagli non dovranno essere coloro che ti stanno più vicino.

Insomma, questo sasso lo vuoi lanciare a un metro da te o vuoi fare una lunga parabola per arrivare più lontano?

Quando avrai attirato i secondi vedrai che i primi, ossia quelli più vicini, accorreranno alla tua location come le mosche…al miele.

Come farsi pubblicità sui social

Social Network

Ogni persona segue solo ciò che gli interessa, quindi non cercare di attirarlo a te in altri modi. Ci vuole troppo tempo.

I Social Network sono una risorsa infinita ma bisogna sapere come creare la giusta inserzione.

Prendiamo in esame i tre principali social: Facebook, Instagram e Twitter.

La prima cosa che devi fare è creare una pagina della tua location per eventi.

Non essere avaro con descrizioni e immagini.

Non c’è niente di peggio che vedere una pagina Facebook povera di contenuti e non aggiornata di recente.

Questo primo passo è semplice e ora vediamo come, grazie a questa realtà, puoi creare inserzioni mirate al target su cui vuoi puntare.

Puoi infatti scegliere l’area di copertura della tua inserzione: prendi coscienza però che più l’area è vasta, a pari prezzo, meno persone visualizzeranno la tua pubblicità.

Al contrario, se investirai su un’area più ristretta sarai certo che la tua copertura sarà pressoché totale.

Un’altra scelta che devi fare è quella dell’età. Il tuo evento non sarà mirato ad una fascia d’età molto ampia, quindi restringi la ricerca.

Che siano molto giovani, più maturi o adulti è molto importante modificare l’inserzione per comunicare al meglio col tuo target. Più preciso sarai con la fascia d’età, più persone ti vedranno comparire nella loro homepage.

Ok, abbiamo scelto l’area e l’età. Ora dimmi, chi è il tuo target? Sono uomini o donne?

Ti pongo questa domanda perché devi sapere che gli uomini sono soprattutto su Twitter, le donne su Instagram mentre Facebook unisce i due sessi più di un matrimonio.

Come farsi pubblicità sui giornali

Giornale Cartaceo

Per quanto strano possa sembrare i giornali, anche nell’era di internet, possono essere un valido mezzo di pubblicizzazione.

Ovviamente dovrai scegliere il giornale specializzato per la tua location di eventi.

In questo modo potrai attirare una clientela più mirata senza “sparare nel mucchio”.

Devi sapere che, quando un cacciatore vede uno stormo di uccelli, non spara al centro sperando di colpirne almeno uno ma prende la mira focalizzando il suo bersaglio.

Ricordati che, come per i social, la pubblicità sui giornali dev’essere continuamente riproposta.

Quindi valuta, in base al target, se ti conviene questo tipo di veicolo pubblicitario.

Mi sento però di consigliarti una cosa: EVITA IL VOLANTINAGGIO!

Sono poche le iniziative che funzionano col volantinaggio e, anche in quel caso, è difficile essere certi della sua effettiva efficacia.

Quale immagine scegliere per attirare l’attenzione?

Ormai dovresti già aver scelto quale sasso lanciare…leggero, pesante, rotondo, sottile…non importa, almeno per il momento.

Vediamo ora COME lanciarlo.

Un’immagine vale più di mille parole, quindi sceglila con il giusto criterio.

Di seguito ti lascio alcuni preziosi consigli:

  • Sii coerente: la foto deve rispecchiare ciò che stai proponendo, non è il momento di sbizzarrirsi con la fantasia.
  • Il soggetto che vuoi far saltare all’occhio di chi guarda dev’essere in primo piano: evita fotografie con soggetti come un vasto campo di girasoli. Vuoi far vedere il girasole? Fai vedere il fiore in primo piano.
  • Rispetta le proporzioni, non metterti a giocare con Photoshop ridimensionando la foto per farla entrare a tutti i costi. Piuttosto che pasticciare cambia immagine.
  • La foto che scegli deve creare empatia: prova ad immaginare d’entrare in una libreria, vuoi comprare un libro ma non hai un titolo in mente. Qual è la prima cosa che ti attira? Esatto, la copertina, non il riassunto che leggi sul retro. L’immagine che scegli è la tua copertina e deve attirare il cliente prima ancora che questo legga chi sei e cosa proponi.
  • Mostra il brand: senza dubbio un’immagine d’effetto è importante ma chi la guarda deve anche capire chi c’è dietro…insomma, devi farti riconoscere.

Ora che ti sei appuntato i trucchi, puoi creare un’inserzione efficace sui migliori Social Network: puoi entrare in azione!

Un ultimo consiglio, ricordati che non sei il solo a farsi pubblicità nel vasto mondo del web, quindi prepara la tua inserzione con il giusto anticipo e falla durare almeno due/tre settimane o più a seconda delle dimensioni dell’evento.

Questo perché non devi passare inosservato. Le persone devono vedere la tua inserzione giorno dopo giorno. Vedrai che se la prima volta passeranno oltre, la seconda o la terza saranno incuriositi.

Conviene riproporre un evento?

Sei sulla barca ma non è ancora arrivato nessuno. Sai come lanciare il sasso per far nascere le onde che richiameranno l’attenzione a te ma ogni sasso è diverso, così come ogni evento.

Pianifica l’evento nella tua location perché possa essere riproposto.

L’evento giusto può essere un buon trampolino ma così come per un tuffatore, ogni salto serve per andare più in alto.

Se il primo anno sei riuscito a pianificarlo con cura e funziona, il secondo anno può riuscire ancora meglio mettendo delle pezze là dove mancavano.

Quindi, conviene riproporre un evento?

Sì!

Se ci pensi bene i più grandi eventi vengono riproposti ogni anno. Dopotutto…se hai una gallina dalle uova d’oro che fai, la butti?

Attorno a te nasceranno altre realtà pronte a copiarti ma non farti intimorire.

Nelle gare sono solo i primi a vincere, quindi proponi idee nuove e accattivanti: i clienti non si dimenticheranno di te facilmente.

Come fidelizzare il cliente

Ascoltare è la base. Ascolta ciò che le persone vogliono e proponilo.

Con questo argomento entriamo in una zona d’ombra molto particolare perché dovrai esporti in prima persona, non puoi aspettare seduto alla scrivania che i clienti si fidino di te.

Fidelizzare qualcuno vuol dire renderlo partecipe delle tue iniziative direttamente, come fosse un tuo amico.

Questa è una manovra vincente!

Qui tornano in tuo aiuto i cari e vecchi social.

Chiedi ai tuoi ospiti di seguire la tua pagina Facebook o Instagram per rimanere aggiornati sui numerosi eventi che proporrai o chiedi loro la mail.

In questo modo il tuo approccio alla pubblicità cambierà.

Non avrai più bisogno di acquisire quei clienti, con un semplice click saranno già tuoi.

Ecco come puoi concentrarti su altre zone o altri target e ampliare il tuo raggio d’azione, arrivando così, come le onde del sasso, anche sulla spiaggia più lontana.


Se hai seguito tutti questi passi, il tuo sassolino ha creato un’onda e cominci a vedere all’orizzonte un gran numero di vele che si avvicinano.

Ora non devi far altro che lasciare che i tuoi eventi parlino per te.

Mi raccomando, se vuoi poi torna e raccontami qui sotto nei commenti se sei riuscito a mettere in pratica i miei consigli.

Un saluto e alla prossima!

Iacopo Pacifici


meetinghub

Inserisci i tuoi dati e riceverai gratuitamente via mail l'Ebook completo.

Ben fatto! A minuti riceverai via mail l'Ebook!
Oh oh! qualcosa è andato storto! Riprova più tardi!

Articoli Correlati