Superata la fase più critica di questa pandemia, che ha colpito non solo il nostro paese ma tutto il mondo, nasce ora un’esigenza molto sentita: proteggersi il più possibile da pericoli simili. 

In questo articolo voglio fare un ragionamento insieme a te, mio caro lettore, in modo da trarre le giuste conclusioni per poter prevenire il più possibile ogni danno alla tua salute e a quella delle persone vicine a te.

Partiamo subito allora!

Prevenire è meglio che curare…

Spero non ti sia mai capitato, ma pensa di dover installare un allarme in casa dopo aver subito un furto. In questo modo non risolvi il problema dovuto al furto stesso, non recuperi gli oggetti che ti sono stati rubati ma previeni il ripetersi di questa situazione in futuro. 

Ora ti chiedo: era necessario aspettare che qualcuno ti entrasse in casa per decidere di proteggerla?

Probabilmente se avessi pensato prima, se avessi prevenuto questa situazione, non ti sarebbe accaduta. 

La prevenzione viene sottovalutata e ci si impegna a risolvere un problema solo quando quest’ultimo si presenta. 

Lasciatelo dire un’altra volta: prevenire è meglio che curare! 

Purtroppo i vantaggi che derivano da ogni attività preventiva molto spesso non sono a breve termine: possono volerci settimane, mesi o addirittura anni prima di poterli vedere. Ed è per questo motivo che la prevenzione frequentemente viene a mancare.

La qualità dell’aria nella tua location

sala

Lo sapevi che l’aria che respiri nell’ambiente indoor è circa 5 volte più inquinata rispetto a quella fuori? Specialmente se si tratta di una sala meeting o di una location per eventi che ospita un ampio numero di persone. Le sostanze nocive che si trovano all’interno sono moltissime: PM10/2,5 (polveri sottili), COV (composti organici volatili), NO2 (biossido di azoto), O3 (ozono), CO2 (anidride carbonica), CO (monossido di carbonio) e molte altre.

Tutte queste particelle si trovano, inevitabilmente, nell’aria che respiriamo e vanno a indebolire tutto il nostro sistema respiratorio e il suo indebolimento  è la causa maggiore di mortalità per COVID-19. 

Quindi un ottimo modo per prevenire gravi conseguenze per contagio con COVID-19 è senza dubbio quello di mantenere in salute il nostro sistema respiratorio e quello degli altri. 

Grazie al progresso tecnologico esistono molti strumenti che permettono di misurare la concentrazione delle particelle nocive nell’aria presente all’interno della tua location. 

Si tratta di monitor dotati di sensori laser in grado di rilevare sostanze molto piccole (il particolato) ma molto pericolose per il nostro apparato respiratorio, indicandoti il valore della qualità dell’aria in tempo reale. 

Ti segnalo un’azienda svizzera che ha realizzato un software gratuito che ti mostra il tasso di inquinamento della tua città in tempo reale.

Dai un occhiata: https://www.iqair.com/

Allo stesso modo puoi misurare la qualità dell’aria della tua sala meeting in maniera specifica e precisa, il tutto su un piccolo monitor controllabile anche dal tuo cellulare. 

Sensedge di Kaiterra 

Sensedge di Kaiterra

Un piccolo monitor che utilizza la diffusione della luce laser per contare le particelle che entrano nei filtri del dispositivo calcolando la concentrazione delle polveri sottili e di altre sostanze nocive presenti nell’aria che si trova all’interno della tua location. 

Sensedge è dotato di sensori modulari che possono essere rimossi e sostituiti, eliminando completamente la necessità di ricalibrare e sostituire il monitor ogni anno. Questi moduli garantiscono una precisione a lungo termine con un costo di manutenzione molto basso.

La pulizia e sanificazione degli ambienti senza prodotti chimici  

sanificazione

Ultimamente si è parlato molto spesso della sanificazione e della pulizia degli ambienti per contrastare la diffusione del virus. L’attenzione però si è concentrata molto sulla pulizia chimica, specialmente quella con ozono. 

Non c’è alcun dubbio, è un ottimo modo per eliminare tutti i batteri dalle superficie ma l’ozono è una sostanza tossica, molto nociva per l’essere umano. Eliminando i batteri si rischia di inquinare moltissimo l’aria nella tua location e ciò potrebbe causare danni molto gravi. 

Facendo diventare la tua location “pulita” dal punto di vista batteriologico ma tossica e nociva per l’essere umano. 

Quindi concentrarsi sulla pulizia con l’ozono potrebbe non essere una soluzione di grande interesse in ottica di prevenzione. 

La pulizia con vapore 

L’acqua surriscaldata produce vapore; il vapore ha di per se grandi proprietà battericide.

Per sanificare la tua sala meeting, quindi, non c’è alternativa migliore al vapore come arma contro il virus.

Da uno studio francese emerge che il COVID-19 viene facilmente annientato a temperature pari o superiori a 90°C; un pulitore a vapore trasforma l’acqua in vapore che viene emesso ad una temperatura superiore a 90°. 

In particolare, il vapore dell’acqua surriscaldata a 180°C acquisisce proprietà battericide anche nei confronti dei ceppi più resistenti ed è quindi l’ideale per la sanificazione e la pulizia degli ambienti.

Il pulitore a vapore può essere utilizzato per tutte le superfici lavabili ad eccezione degli apparecchi elettrici alimentati o dei mobili in legno grezzo. 

La pulizia a vapore può essere effettuata sulle seguenti superfici: muri, soffitto, porte, pavimento (dopo aver rimosso la polvere), vetri, ma anche arredi (sedie, poltrone, tavolini, armadi, comodini, ecc). Lo stesso per i sanitari: specchi, porta-asciugamani,  WC e cestini portarifiuti.

Monitorare la salute delle persone

Quando parliamo di una sala meeting, di una location per eventi o di un ambiente di lavoro intendiamo spesso persone che si trovano a stretto contatto tra di loro. 

Anche se c’è l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro, purtroppo, in queste situazioni, è difficile rispettarla sempre. 

Quindi, se non vengono prese le giuste precauzioni per quanto riguarda il monitoraggio della salute dei partecipanti all’evento o al meeting, la situazione potrebbe trasformarsi in un disastro. 

Dispositivo per la prevenzione epidemica

visivatech

La tecnologia di cui disponiamo oggi ci permette di automatizzare praticamente qualsiasi cosa, anche monitorare la salute delle persone e ciò grazie alla tecnologia ThermoWall. 

E’ un sistema complesso e completamente automatizzato che misura la salute di una persona senza la presenza di un operatore qualificato fornendo il risultato in meno di un secondo. 

In particolare rileva la temperatura corporea con alta precisione senza contatto fisico, mentre la tecnologia a raggi UV garantisce la sterilizzazione delle mani e qualsiasi altro oggetto.

Avvicinandosi al dispositivo, la colonna emetterà un suono di conferma e i bordi si illumineranno di luce verde se la persona è in salute, mentre verrà emesso il suono di errore e i bordi della colonna si illumineranno di luce rossa nel caso in cui la persona sia malata.


Abbiamo parlato degli aspetti fondamentali per poter gestire una struttura riducendo al minimo ogni pericolo per contagio da COVID-19… 

Se proteggerai la tua location non avrai nulla da temere!

Ti invito, inoltre, a iscriverti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato con i nostri consigli!

A presto