Meeting Hub Meeting Hub blog
verifica richiesta di preventivo

Come verificare una richiesta di preventivo

Vuoi sapere chi sono le persone a cui mandi il preventivo? Scopri come utilizzare semplici tools disponibili in Rete per verificare l’identità di un richiedente quando ti arriva una richiesta di preventivo!

Parlando di revenue management con i responsabili di varie strutture alberghiere, spesso ci è stata rivolta questa domanda:

come facciamo a verificare che le richieste di preventivo che ci arrivano corrispondono a persone reali?

Infatti, agli hotel capita spesso di ricevere richieste di preventivo in cui le informazioni sono parziali e decisamente insufficienti per la compilazione di un preventivo. In altri casi le richieste sono piuttosto bizzarre e fanno pensare che ci sia dietro uno scherzo o un tentativo di frode.

Nella maggior parte dei casi la richiesta viene cestinata come non standard. Un vero peccato: dietro potrebbe esserci un potenziale cliente un po’ sbadato, ma pur sempre pronto a portare fatturato in hotel.

Anche a te è capitato di trovare richieste di preventivo incomplete o sospette?

Allora questo articolo è per te.

Dammi cinque minuti del tuo tempo e ti spiegherò come verificare una richiesta di preventivo usando gli strumenti della Rete che utilizzi ogni giorno!

Prima di addentrarci nell’argomento, però, un po’ di note legali.

Cosa dice il garante della Privacy

Come si sa, con la privacy non si scherza. Ed è per questo che, prima di pubblicare questo articolo, ho chiamato l’ufficio del Garante della Privacy a Roma per chiedere delucidazioni in merito.

La mia domanda era questa:

E’ consentito cercare informazioni su Internet partendo dai dati forniti da un potenziale cliente in una richiesta di preventivo? 

La risposta del Garante della Privacy è la seguente:

Sì, è certamente legale, a patto che nell’autorizzazione al trattamento dei dati personali sia esplicitato che i dati forniti dal potenziale cliente potranno essere utilizzati per cercare ulteriori dati personali su Internet. 

Quindi, se vuoi applicare le tecniche che troverai in questo articolo, ti conviene aggiornare il modulo di informativa sulla privacy. Se non lo fai potresti passare dei guai!

Io ti ho avvertito.

Hai aggiornato il campo della privacy nel tuo sito con l’esplicita autorizzazione alla ricerca su Internet dei dati del potenziale cliente?

Allora sei pronto ad applicare quello che troverai nel resto dell’articolo!

Verificare una email

Il primo passo per verificare una richiesta di preventivo consiste nell’appurare se l’email del potenziale cliente esiste o se è inventata.

Per capirlo puoi usare un utilissimo servizio chiamato Mail Tester.

Ti avverto che non ha una grafica molto accattivante. In compenso è molto semplice da utilizzare.

Per verificare l’esistenza della email non dovrai far altro che copiare e incollare l’indirizzo dalla richiesta di preventivo che ti è arrivata e inserirla nel campo di ricerca. A questo punto clicca su Check Address e aspettati due possibilità.

La prima è che l’email sia attiva.

In tal caso, sotto il campo di ricerca vedrai un quadrato verde pieno di scritte incomprensibili. Non ti preoccupare: non ti interessa sapere cosa significano. Se sono su sfondo verde significa che l’email è attiva, e quindi reale.

Per farti capire meglio abbiamo fatto la prova con il nostro indirizzo aziendale. Ecco uno screenshot che parla da solo.

mailtester

 

E allora che cosa succede se, al posto di un indirizzo email valido, ne inserisci uno che non esiste?

Semplice: ti uscirà un messaggio evidenziato in rosso con scritto che il server non è accessibile.

 

mailtester

 

Ora abbiamo verificato se l’email della richiesta di preventivo esiste oppure no. In questo modo, se manderai un preventivo a questo indirizzo, non ti troverai la casella di posta piena di mail con oggetto delivery status notification come spesso succede quando mandi un messaggio a un indirizzo non esistente.

Ma come fai a sapere se il proprietario della casella di posta elettronica è una persona reale?

Collegare una mail a un volto

Per scoprire chi ti ha mandato una richiesta di preventivo utilizzando la sua email c’è un modo molto semplice: usare Facebook.

Il famoso social network richiede un indirizzo email per la registrazione. Quello che forse non sai è che questa informazione viene utilizzata dal sistema per indicizzare i profili personali. Quindi puoi utilizzarlo per cercare un profilo Facebook.

In parole povere, se copi e incolli l’indirizzo email della richiesta di preventivo nel campo di ricerca di Facebook, ti comparirà automaticamente il profilo della persona all’interno del social network.

Il vantaggio di questo sistema, oltre a permettere di verificare la richiesta di preventivo, è la possibilità di capire subito che tipo di cliente hai davanti. In base alle informazioni pubbliche contenute nel suo profilo puoi presentargli un’offerta ad hoc.

Il bello è che non c’è possibilità di omonimia… l’indirizzo email con cui una persona si iscrive a Facebook è unico in tutta la Rete e soprattutto è personale!

Eccoti una dimostrazione di come funziona. Ho cercato su Facebook il mio indirizzo email e… mi sono trovato!

 

ricerca facebook

Questa procedura è portentosa, ma non è infallibile. Infatti, molte persone hanno più di un indirizzo email. Capita spesso che gli utenti abbiano un indirizzo email personale con cui si registrano a Facebook e l’email aziendale con cui mandano la richiesta di preventivo.

In tal caso, se inserirai l’indirizzo aziendale su Facebook, non ti comparirà nessun risultato.

Ma non temere! Ci sono altri modi per verificare se la richiesta arriva da un utente reale.

Uno di questi è ricercare il numero di telefono.

Collegare il numero di telefono a una persona

Il sistema che ti sto per spiegare funziona solo per i numeri di telefono cellulare.

Se sei iscritto a Facebook ti sarà senz’altro arrivata una notifica in cui il social network ti chiede di inserire un numero di cellulare in modo da poter recuperare il profilo in caso di tentativi di hacking.

Si tratta di un servizio molto utile sia per l’utente, sia per chi vuole cercare il profilo Facebook di una persona e dispone solo del suo numero di cellulare.

Come con l’email, il sistema di ricerca di Facebook fa comparire il profilo della persona anche se si ricerca il suo numero di telefono mobile.

Ma… se il numero che ti dà è un fisso?

Verificare l’identità di un numero di telefono

Se l’utente ti fornisce un numero di telefono fisso, la ricerca è ancora più semplice.

In questo caso ti servirà solo Google. Dovrai inserire il numero di telefono nel campo di ricerca e poi premere Invio.

Hai ottime probabilità di trovare il numero di telefono in uno dei tanti siti di database telefonici (il più famoso è trovanumeri.com).

Se la richiesta è stata fatta inserendo un numero di telefono aziendale, potrai scoprire subito il nome dell’azienda che ti ha contattato.

Piccolo problema: non tutti i numeri di telefono fisso sono pubblicati negli elenchi telefonici online. Di conseguenza potresti non trovare il numero di telefono.

Allora non ti resta che una soluzione. Tra l’altro la migliore di tutte!

La verifica delle verifiche

Ora, ciò che ti ho detto è a puro scopo indicativo. In genere, utilizzare questi sistemi per verificare una richiesta di preventivo non è necessario, in modo particolare se l’utente ha lasciato dati sufficienti per poter essere quanto meno contattato.

Ho scritto questo articolo, insomma, per darti le conoscenze di base in modo che tu possa verificare una richiesta di preventivo in autonomia ed evitare di essere preso in giro con richieste di preventivo fasulle.

Di fatto, però, difficilmente avrai bisogno di questi trucchi informatici.

Il cliente ti ha affidato i suoi dati, per quanto incompleti. Ciò significa che si fida di te. Non ha nulla da nascondere, e anche tu non hai nulla da temere.

Infatti, nella maggior parte dei casi hai già tutto ciò che ti serve per verificare l’identità di un potenziale cliente con un’azione semplicissima che ti richiederà pochi minuti.

Un’azione così semplice che quando te la dirò, penserai: ma certo, è ovvio!

Per di più, a differenza delle tecniche esposte in precedenza, che hanno un discreto margine di errore, questa è assolutamente infallibile! Garantito al 100%!

In più, ti permetterà di aumentare la possibilità di trattenere il potenziale cliente nel tuo imbuto di vendita e quindi di fatturare!

Si tratta della buona vecchia tecnica di chiamare il potenziale cliente al telefono, parlarci e cercare di capire le sue esigenze.

 

Michele Ghilardelli

Salva

Michele Ghilardelli

Michele Ghilardelli

Ebook Meeting Hub

Inserisci i tuoi dati e riceverai gratuitamente via mail l'Ebook completo.

Ben fatto! A minuti riceverai via mail l'Ebook!
Oh oh! qualcosa è andato storto! Riprova più tardi!

Articoli Correlati