Perché una guida su come organizzare una festa vegan? Perché anche chi non ha sposato la causa vegana o vegetariana deve fare in qualche modo i conti con il tema del consumo etico.

Chi di noi, infatti, non ha amici o familiari che hanno fatto scelte alimentari legate a una filosofia di vita alternativa rispetto a quella di massa?

Il che non significa che abbiano rinunciato al divertimento, né ai piaceri della tavola, tutt’altro!

In questa guida ‘smontiamo’ tutti preconcetti associati al mondo veg e ti spieghiamo come realizzare un party vegano memorabile.

Perché i principi del veganismo fanno colpo?

Per forma mentale siamo portati a considerare le abitudini di vita vegane come restrizioni e privazioni. Questo perché il cibo da festa di tipo tradizionale è spesso a base di latticini o di carne.

Per fortuna, però, le soluzioni gustose e originali non mancano e oggigiorno è possibile organizzare una festa vegana al 100% senza rinunciare a niente e rispettando le regole veggie nelle portate del menu, nelle bevande e nelle decorazioni.

Senza entrare nei dettagli dei principi del veganismo, soffermiamoci a pensare al perché i party vegan riscuotono un crescente successo anche fra chi non pratica tale scelta di vita.

  • Sostenibilità etica – Gli allevamenti intensivi pongono seri problemi di sostenibilità ambientale. Il consumo crescente di carne ‘mangia’ letteralmente risorse primarie, come l’acqua dei fiumi e gli spazi boschivi convertiti a pascoli. Tutto ciò senza considerare la condizione degli animali, spesso costretti a una vita di sofferenze innaturali.
  • Dieta equilibrata – Le proteine animali possono essere sostituite da alimenti di origine vegetale come legumi e da prodotti come il tofu. Anche senza convertirsi al veganismo, gli studi evidenziano come i pasti vegetariani/vegani concorrano a una dieta sana ed equilibrata.
  • Nuovi orizzonti gastronomici – Una festa veggie è senza dubbio un’idea originale che può fare colpo sui tuoi ospiti con ricette mai provate prima.
Foto di MM da Pixabay

In sintesi, in un party vegan sono banditi i prodotti di origine animale: non solo la carne, ma anche uova e latticini che sono invece presenti nelle diete vegetariane.

Quindi il primo passo è stilare una lista degli alimenti ‘vietati’, controllando cosa possono mangiare i vegani. Ciò fatto puoi pianificare il menu della festa.

Festa vegan: ricette facili per un menu sfizioso

Fortunatamente il tempo in cui nelle occasioni conviviali le persone vegetariane o vegane si dovevano accontentare di un sedano e di una carota, è ormai solo un ricordo.

Se stai progettando un evento vegan puoi affidarti a catering specializzati, oppure cimentarti personalmente in ricette appetitose per ogni palato.

Nel caso il party sia misto, per esempio cibo vegan e vegetariano, ricorda di etichettare in modo chiaro i piatti vegan 100%, magari dedicando loro una zona riservata del buffet.

Così facendo gli ospiti potranno scegliere liberamente sulla base dei propri gusti e dei propri principi.

Qui di seguito qualche idea di menu vegan per una festa di compleanno, per un anniversario, oppure per un evento speciale.

1.      Finger food vegetale

Il finger food è sempre più il ‘re delle feste’. Pratico e sfizioso è l’ideale per una festa vegana. Con un pinzimonio di verdure fresche da condire con olio e sale, o con una salsa di hummus o guacamole, vai sul sicuro. Nessun ospite saprà resistere e il bis è garantito.

A proposito: sai come preparare l’hummus e il guacamole? È molto facile, ecco cosa fare:

  • Hummus: prendi un vasetto o una lattina di ceci, scola l’acqua di condimento lasciandone un po’. Versa in una ciotola insieme a olio evo, un pizzico di sale, un cucchiaino di limone e uno di paprika. Frulla il tutto con il minipimer per ottenere una consistenza cremosa.
  • Guacamole: procurati due avocado di media grandezza e una cipolla, sbuccia gli ingredienti e tagliali a dadini piccoli. Metti tutto in un contenitore, schiaccia gli avocado con una forchetta per ottenere la consistenza ottimale e aggiungi l’olio evo, il succo di lime e un pizzico di sale.
Foto di fotografiekb da Pixabay

2.      Taco vegano

Cosa c’è di meglio che unire il sapore etnico del cibo messicano con l’originalità di una ricetta vegana?

Ti basta preparare del guacamole (vedi sopra), oppure del nacho cheese vegan, rigorosamente fatto in casa, aggiungere peperoni e cipolla, un tocco di piccante e il gioco è fatto!

Versa il composto sulle sfoglie di tortillas, sfornate calde, e delizia gli ospiti con un piatto colorato e salutare.

Foto di Constanze Riechert-Kurtze da Pixabay

3.      Crocchette di patate vegane

Le patate si prestano perfettamente al menu di una festa vegana. Apprezzate da grandi e piccini, sono versatili e possono fungere sia da contorno che da antipasto, come nel caso delle crocchette.

Ancora una volta, dai libero sfogo alla fantasia per le salse di condimento: panna acida senza latticini, ketchup, o salsa di barbabietola ad esempio.

Per proporre delle crocchette più originali puoi mescolare al composto di patate la quinoa.

4.      Polpette di fagioli neri

Le polpette di fagioli neri sono proteiche e nutrienti. Si preparano come normali polpette e hanno i legumi al posto della carne.

Per esaltarne al massimo il sapore, accompagnale con ketchup oppure con salsa BBQ piccante.

Come vedi sono davvero tanti gli ingredienti da prendere in considerazione per piatti vegani appetitosi e ‘modaioli’. Una volta che avrai buttato giù un menù di massima, la pianificazione continua con la lista delle bevande e con le decorazioni per il party.

Cosa bere a una festa vegan?

Molte persone, immaginando una festa vegan, commettono una leggerezza: credono che il nocciolo della questione ruoti attorno al cibo.

In realtà, il pensiero vegan si applica anche alle bevande alcoliche e analcoliche, dal momento che tali prodotti non sempre sono vegan friendly. Basti pensare ad alcune tipologie di birra o di vino che contengono prodotti di derivazione animale usati nella fase di raffinazione e/o di filtraggio.

Come evitare di servire prodotti non adatti? Semplice! Fai le adeguate verifiche, oppure – se ti affidi a professionisti per l’organizzazione dell’evento – ricorda loro che la tua festa è vegana e che i prodotti devono essere in linea con i principi del veganismo.

Non sarà difficile procurarsi in un modo o nell’altro bevande vegane: molti produttori di birra, come quelli che scelgono il metodo tradizionale tedesco e belga, seguono un disciplinare che li obbliga a usare solo acqua, cereali, luppolo e lievito.

Anche alcune grandi marche internazionali, come la Guinness alla spina, Stella Artois, Carlsberg e Heineken certificano la birra come vegana. Così come è ormai comune trovare, nelle enoteche e nei grandi supermercati, eccellenti vini biologici vegan.

Sono invece da evitare, per motivi ovvi, i liquori alla crema e i cocktail nella cui lista di ingredienti risultino la panna e l’albume d’uovo.

Foto di Willfried Wende da Pixabay

Party vegano: occhio alle decorazioni!

Un party vegan 100% non può prescindere da un’ambientazione in tema. Piante da interno e materiali naturali, possibilmente riciclati, contribuiranno a dare un’impronta ancora più marcata alla festa.

Le piante in vaso sono ideali come centrotavola, mentre è meglio evitare i fiori recisi a meno che non provengano dal commercio equo e solidale. Se opti per i fiori finti, controlla che non contengano seta.

Qualora scegliessi, come location, un hotel o un locale polivalente è opportuno ricordare di rimuovere (laddove possibile) accessori in pelle, in lana o in seta.

Infine, due parole sulle decorazioni e sui gadget. Nessun party degno di questo nome può farne a meno, neppure una festa vegana. Serve soltanto un po’ di attenzione per evitare scivoloni.

Se pensi di regalare qualcosa ai tuoi ospiti hai diverse opzioni a disposizione, come:

  • saponi vegetali;
  • candele di soia;
  • vasetti con prelibatezze vegan dolci o salate;
  • oggettistica in materiale da recupero.

Come vedi, una festa vegana richiede una mente aperta verso uno stile di vita completamente orientato al criterio di sostenibilità e integralmente cruelty free.

Festa vegan fai da te o organizzata?

Quando pianifichi un party vegano hai due strade percorribili: farti aiutare da professionisti, oppure procedere in autonomia.

Nel primo caso è necessario scegliere una location e un catering con esperienza nel settore; nel secondo caso dovrai impegnarti affinché ogni dettaglio sia in linea con il tema e prendere accurate informazioni sulle singole esigenze dietetiche degli ospiti (per esempio allergie e/o intolleranze).

Quest’ultimo aspetto è molto importante per tutelare la salute e il benessere dei partecipanti e per realizzare una festa davvero inclusiva per tutti.

Adesso che hai le indicazioni di base puoi procedere personalizzando la tua festa vegan. Come? Cercando altri spunti sul blog di Meeting Hub dove ogni giorno professionisti del settore condividono approfondimenti e consigli utili.