L’argomento che oggi ho deciso di proporti riguarda il tema della festa a sorpresa.

Una festa a sorpresa non è affatto facile da organizzare, perché bisogna mettere in moto un intero meccanismo, di cui il festeggiato o la festeggiata non ne sono consapevoli (altrimenti che festa a sorpresa sarebbe?).

Però sappi che lo sforzo che farai sarà del tutto ricompensato, perché una festa a sorpresa è un’esperienza emozionante che tutti noi dovremmo provare nella vita (soprattutto come festeggiati).

Dunque, nel corso di quest’articolo esamineremo in profondità questo tema e ti darò anche qualche informazione utile su certi aspetti psicologici (credimi, ti saranno molto utili).

Noi di Meeting Hub abbiamo già pubblicato un articolo intitolato “Come organizzare una festa di compleanno a sorpresa”.

Lì troverai tutte le risposte alla domanda “Come?”, ma questo testo ti servirà come una linea di guida per migliorare ulteriormente l’organizzazione del tuo party.

Inoltre in quest’articolo sulla festa a sorpresa non ti parlerò solo della festa di compleanno, ma anche di altre occasioni.

In particolar modo menzionerò anche gli argomenti dell’anniversario romantico col proprio partner, del raggiungimento di un obiettivo (che può essere lavorativo, di studio o il successo nello sport) e addio al nubilato / celibato.

Adesso ti elenco direttamente i pro e i contro e nel prossimo paragrafo te li spiego più nel dettaglio.

Pro:

  • Rafforzi il legame col festeggiato
  • Si crea un’avvolgente atmosfera di divertimento per tutti

Contro:

  • Fai attenzione a incastrarti bene con la sua agenda… Non vorrai mica organizzare il party se il tuo festeggiato deve partire per un viaggio di lavoro!
  • Scegli con cura gli invitati e assicurati di non fare partecipare eventuali ex amici/partner, altrimenti la festa potrebbe trasformarsi in un campo di battaglia!

Festa a sorpresa: i pro e i contro

In questo paragrafo dell’articolo stiliamo effettivamente la lista dei pro e dei contro di una festa a sorpresa.

Partiamo innanzitutto dagli aspetti positivi.

Per prima cosa chi organizza e prende parte a una cosa del genere sta inconsciamente comunicando che ha un grande affetto e una grande stima verso il potenziale festeggiato.

Il beneficiario di turno si sentirà davvero amato e benvoluto.

Questo ha un impatto emotivo molto forte e può contribuire parecchio al miglioramento del rapporto.

In secondo luogo, si crea un’energia così forte, che dà il via a tutti i presupposti per un grande divertimento per tutti.

Sia per il gruppo degli organizzatori e soprattutto per il festeggiato.

Di colpo ci si può lasciare andare al divertimento e dimenticare temporaneamente tutti gli impegni da portare a termine e i problemi da risolvere.

Passiamo adesso ai possibili rischi di una festa a sorpresa.

Per prima cosa una persona si può sentire frustrata se questa celebrazione viene svolta in un particolare momento, in cui il festeggiato è completamente immerso dai suoi impegni e non si sente di interromperli.

Quindi assicurati di scegliere un momento in cui il tuo festeggiato stacca la spina da tutti i suoi impegni.

In secondo luogo, può sentirsi anche a disagio se vengono invitate e si presentano persone che lui non avrebbe voluto che ci fossero nel suo giorno speciale, a prescindere dal compleanno.

Ecco perché sarebbe molto utile che tu venga a conoscenza della sua “lista nera”.

Potresti prendere informazioni sia da amicizie in comune, sia (e soprattutto) dal festeggiato stesso.

Se capita per esempio un ex fidanzato o una ex fidanzata, la cosa potrebbe essere fastidiosa, soprattutto se ci sono in ballo delle nuove frequentazioni.

Oppure se dovesse partecipare un amico o un conoscente che di recente si è comportato parecchio male, anche questo può far storcere il naso al festeggiato.

Una volta che hai superato questi due ostacoli, sii consapevole del fatto che hai la strada spianata.

I 4 tipi di feste a sorpresa

In questo paragrafo ti parlo un po’ più nel dettaglio delle varie feste che ti ho preannunciato all’inizio.

Il primo tipo di party a sorpresa è senza dubbio il compleanno.

Non c’è molto da discutere, è il re assoluto della classifica.

Il secondo posto è occupato invece dall’anniversario col proprio partner, sia che si festeggi un fidanzamento, sia che riguardi un anniversario di matrimonio.

Il terzo in classifica è una categoria un po’ più vasta, cioè quella per il festeggiamento degli obiettivi raggiunti.

Su questo possiamo spaziare in vari campi, dal lavoro (promozioni, pensionamento) allo studio e allo sport.

Diciamo che questi sono i 3 rami su cui si concentrano l’80% degli obiettivi.

Chiaramente ognuno di essi comprende delle piccolissime differenze, però in linea di massima sono sulla stessa barca.

L’ultimo tipo di party a sorpresa, che forse è quello meno gettonato, riguarda l’addio al nubilato o al celibato.

Il motivo per cui dico che questo tipo di party è molto raro, sta nel fatto che una festa come il matrimonio è talmente importante, che si evita di lasciare le cose al caso.

Tra l’altro i due principali organizzatori della cerimonia sono nientemeno che gli sposi.

Però questo non vuol dire che un testimone o un invitato particolarmente affezionato non possa in qualche modo mettere la propria creatività in campo e organizzare qualche bella sorpresa.

In linea generale l’approccio che devi avere è più o meno lo stesso, a eccezione dell’anniversario perché viene vissuto non da una persona, bensì da due.

In questo caso l’approccio si deve adattare con quello che è, di fatto, il rapporto di coppia e qui si aprirebbe un altro mondo.

Il concetto di gratificazione immediata

Da questo paragrafo in poi parlerò di tutti gli aspetti psicologici, che ti ho accennato all’inizio.

Questi argomenti sono importantissimi per la buona riuscita dell’evento che stai organizzando, perché ti daranno degli spunti particolarmente utili.

Adesso partiamo con la spiegazione.

Noi esseri umani diamo più peso a una gratificazione immediata, piuttosto che a una gratificazione rimandata.

Per gratificazione immediata intendiamo tutto ciò che ci dà una scarica di piacere nell’immediato, a prescindere dal fatto che sia duraturo o meno.

La gratificazione immediata è direttamente collegata a un ormone chiamato dopamina, responsabile della sensazione di piacere.

Notifiche sui social, fumo, cibo spazzatura, videogames, TV, Netflix e roba varia sono tutte cose che stimolano la gratificazione immediata.

Se questo può essere un problema per molti aspetti, nel tuo caso sarà un fattore favorevole, perché l’effetto sorpresa provoca una sensazione di piacere al festeggiato molto potente.

Il festeggiato introverso/estroverso

Partiamo dal presupposto, secondo cui devi prima capire se il tuo festeggiato è una persona principalmente introversa, oppure estroversa.

Questo fattore ti serve per decidere il numero d’invitati da includere nella festa a sorpresa.

Se hai a che fare con una persona introversa, che predilige i circoli di amicizie ristretti, non puoi certo fargli una festa supersonica.

Il festeggiato potrebbe sentirsi quasi “aggredito”, soprattutto se organizzi la festa a casa sua.

Se, invece, proponi una cosa troppo tranquilla a una persona estroversa e abituata a scariche forti di adrenalina, quest’ultima si sentirà pesantemente annoiata.

L’essere introverso o estroverso, in qualche modo detta l’impostazione più idonea che devi adottare.

Una persona introversa ha la tendenza verso la routine, mentre quella estroversa vuole sempre esplorare.

Un altro fattore importantissimo riguarda l’insieme degli impegni e delle abitudini.

Prima di organizzare qualsiasi cosa, devi tassativamente essere sicuro/a del fatto che il potenziale festeggiato abbia l’agenda libera.

Il tempismo è importante in queste celebrazioni, forse è uno degli ingredienti più importanti in tutto questo ragionamento.

Per quanto riguarda le abitudini, il discorso rimane più o meno lo stesso.

Intendo dire che la festa a sorpresa, di suo, ha la peculiarità di essere un qualcosa che rompe la routine e devi capire se al tuo festeggiato piace quest’immediato cambio di ritmo.

Festa a sorpresa: le abitudini e le attitudini del festeggiato

L’attitudine della persona che riceve la festa a sorpresa è uno dei fattori che davvero fanno la differenza per quanto riguarda il risultato.

Dunque, prima di pensare di organizzare una festa a sorpresa, è bene che tu conosca bene le peculiarità e in particolar modo le abitudini del potenziale festeggiato.

Non è solo il bel palloncino, la torta di compleanno o il regalo ciò che ti porta al successo.

Puoi aver organizzato la festa a sorpresa più bella del mondo, ma se dall’altra parte non c’è la predisposizione, tutta la tua fatica sarà stata inutile.

Così allo stesso tempo puoi pianificare una cosa molto semplice ed essenziale, ma se il festeggiato è, appunto, ben predisposto, comunque sarà un successo.

Devi saper incastrare nel migliore dei modi la qualità della festa che stai organizzando e le caratteristiche del tuo festeggiato.

Con questo bilanciamento sarai nelle condizioni di fare centro!

Festa a sorpresa: sonda il terreno!

Devi cercare di giocare con le probabilità a tuo favore.

Hai ancora dubbi sul fatto che il tuo festeggiato possa non gradire una festa a sorpresa?

Bhe allora ti suggerisco una piccola chicca per aumentare la possibilità di successo.

Ecco il consiglio: devi fare un test.

Prima di prenderti carico di organizzare questo party, è bene che tu metta alla prova la predisposizione del tuo festeggiato.

Il test consiste semplicemente nel fargli una piccola sorpresa come ad esempio andarlo a prendere a casa e portarlo a fare un aperitivo, per vedere come reagisce se rompi le sue abitudini.

La condizione obbligatoria è che il potenziale festeggiato non deve avere impegni importanti nella fascia oraria o nel giorno in cui decidi di fare il test (soprattutto se riguardano il lavoro o impegni personali di stretta necessità).

L’elemento di cui devi tenere conto è il suo livello di entusiasmo. 

Se non accetta la tua sorpresa e inventa scuse per non uscire, forse è meglio evitare di organizzargli una festa a sorpresa.

Se, invece, ha un entusiasmo al settimo cielo, allora hai tutte le carte in tavola per fargli la festa.

Conclusioni

In quest’articolo hai imparato che la festa a sorpresa deve necessariamente avere un’attenta analisi preliminare.

Devi tener conto delle abitudini e degli impegni personali del festeggiato, per poter incastrare silenziosamente anche la festa che stai cercando di organizzare.

Ma prima di arrivare al dunque devi testare, nel senso che devi fare una sorpresa che stravolga la sua agenda e devi renderti conto se questo può far piacere o meno.

Da lì dovrai regolarti se decidere in futuro di organizzare una festa a sorpresa.

Attenzione, devi giocare con le probabilità a tuo favore, perché un party del genere è particolarmente difficile da pianificare ed eseguire con successo.

Questi concetti che ti ho spiegato sono validi per qualsiasi tipo di party a sorpresa a eccezione degli anniversari di coppia, perché in quel caso il focus si sposta su due persone e le cose cambiano molto.

Se devi organizzare una festa a sorpresa con il tuo partner ti consiglio di leggere questo articolo su le migliori idee per festeggiare un anniversario di fidanzamento.

Se la lettura di quest’articolo ti ha fornito degli spunti interessanti su cui riflettere e vuoi altre idee per organizzare i tuoi eventi, allora segui il nostro blog e iscriviti alla newsletter!