Meeting Hub Meeting Hub blog
come scegliere videoproiettore

Come scegliere il videoproiettore 10 punti per non sbagliare

Scopri i 10 dettagli tecnici che ti eviteranno brutte sorprese nello scegliere il videoproiettore!

Il videoproiettore è uno strumento indispensabile per chi organizza meeting di lavoro. Permette infatti di mostrare immagini, video e presentazioni al tuo uditorio dando maggiore risalto alle tue tesi.

Una volta che ti abitui ad usarlo, diventa subito indispensabile!

Purtroppo quando vai in sala meeting spesso rimani deluso perché il videoproiettore non è all’altezza di quello che stai proiettando.

Allora pensi: me ne compro uno io!

Ed è proprio per questo che ho scritto questo articolo. Troverai le 10 caratteristiche da considerare per scegliere un videoproiettore senza sbagliare!

1. Tipologie di videoproiettore

icona proiettoreTutti i videoproiettori funzionano secondo un principio analogo. Infatti, si tratta di strumenti che convertono i segnali elettrici provenienti da un computer e li elaborano in fasci di luce puntiformi di colori diversi.

Ne consegue che i videoproiettori si possono differenziare in base al modo in cui elaborano i dati ed emettono i fasci di luce che, ricomposti, daranno origine alle immagini.

Proprio in base a questo i videoproiettori per sale meeting si dividono in LCD e DLP.

Videoproiettori LCD

Questo tipo di videoproiettori si basa sulla tecnologia LCD (Liquid Crystal System). L’immagine viene prodotta da 3 pannelli a griglia separati da cristalli liquidi. Ogni pannello corrisponde ad un colore base del sistema RGB (rosso, blu, verde). Quando il sistema di proiezione viene messo in funzione, la lampada centrale produce luce di un colore standard che passa attraverso i pannelli che, in base al colore da proiettare, la lasciano passare oppure la bloccano con un otturatore.

I videoproiettori LCD offrono alcuni vantaggi:

· Producono poco calore e quindi la ventola è poco rumorosa

· Hanno in genere dimensioni compatte

· I prezzi sono bassi

In compenso ci sono anche degli svantaggi:

· In caso di guasti, la manutenzione è costosa

· Alcune componenti dei pannelli possono bruciarsi, dando come risultato fastidiosi pixel neri

Videoproiettori DLP

I videoproiettori DLP basano il loro processo sulla riflessione della luce. Il sistema si basa su un componente digitale chiamato DMD (Digital Micromirror Device). Si tratta di una sorta di chip coperto da milioni di microspecchi che si muovono in modo indipendente. Ognuno di essi, quando è investito dal fascio luminoso, devia la luce in modo da riprodurre il colore desiderato.

Questo sistema offre indubbi vantaggi rispetto all’LCD:

· Altissima qualità dell’immagine, soprattutto per quanto riguarda la resa dei contrasti e la brillantezza dei colori

· Maggiore affidabilità e durata rispetto ai videoproiettori LCD

· Elaborano le immagini in modo veloce e fluido, risultando particolarmente adatti per le proiezioni di video

Gli svantaggi tuttavia non mancano:

· Sono più costosi dei videoproiettori LCD

· Scaldandosi con relativa facilità, richiedono una ventola più potente ma anche più rumorosa

· Spesso proiettano lampi di colore arcobaleno dovuti all’elaborazione dell’immagine (Rainbow Effect).

2. Ansi Lumen

icona teloAvrai notato che nella descrizione del videoproiettore è sempre presente il numero di Ansi Lumen che vengono prodotti dallo strumento.

Ti sei mai chiesto cosa sono?

In sostanza, gli Ansi Lumen sono una misura standard del flusso luminoso e ti permettono di capire quanto sarà forte la luce di proiezione.

Non fare però l’errore di molte persone, che acquistano il videoproiettore convinte ingenuamente che più ansi lumen produce meglio è!

Infatti, troppi Ansi Lumen possono trasformarsi in un grosso svantaggio. Una luminosità troppo elevata della proiezione può dare fastidio agli occhi, soprattutto in un ambiente buio.

È anche vero, tuttavia, che nelle sale meeting non è facile trovare un ambiente completamente privo di luce. In genere il buio completo non è funzionale alle attività di un meeting, quindi permane una certa quantità di luce all’interno della sala.

In questo caso avrai bisogno di un proiettore con un fascio di luce più potente.

Per sapere nel dettaglio qual è la misura giusta di Ansi Lumen da impiegare in una sala meeting, consulta la tabella che trovi alla fine del mio articolo dedicato agli Ansi Lumen.

3. Risoluzione

icona risoluzioneLa risoluzione indica il grado di qualità di un’immagine. Si misura nella densità di punti di luce in una unità di spazio. L’unità di misura della risoluzione si chiama Dot Per Inch (meglio nota come DPI) e si riferisce al numero di punti di luce per pollice.

Di conseguenza, più alta è la densità di punti per pollice, più la qualità dell’immagine aumenta.

Questo è particolarmente importante nella scelta del videoproiettore, perché se lo strumento viene messo troppo lontano proietterà un’immagine sgranata. Non è dovuto alla messa a fuoco, ma al fatto che i punti per centimetro sono troppo pochi per garantire una resa di alta qualità.

Tuttavia, non devi preoccuparti. Se devi proiettare slides di Power Point senza immagini, puoi utilizzare tranquillamente un videoproiettore con risoluzione 800×600 dpi, anche se oggi è normale trovarne in commercio con una risoluzione superiore.

Se invece vuoi essere sicuro di una alta qualità dell’immagine, ti conviene scegliere modelli con risoluzione minima di 1024×768 dpi.

4. Formato dell’immagine

icona formato schermoDetto anche aspect ratio, è la forma con cui il videoproiettore proietterà l’immagine.

Forse non ti è chiaro… allora procediamo con calma.

Il videoproiettore proietta un fascio di luce su una superficie rettangolare. Il formato dell’immagine corrisponde al rapporto tra la base e l’altezza del rettangolo di luce.

I formati attualmente utilizzati sono principalmente due.

Il formato 4:3 è quello tipico della TV. Le proporzioni si avvicinano molto a quelle di un quadrato, lasciando solo un po’ di spazio in più in larghezza.

risoluzione 4:3

 

Il formato 16:9 invece consiste in un rettangolo con una base molto ampia e un’altezza più stretta. Questo è un formato utilizzato principalmente nell’industria cinematografica e in tutti i campi in cui la qualità dell’immagine è importante.

risoluzione 16:9

Mi raccomando: se vorrai proiettare immagini direttamente dal tuo computer, assicurati che il formato di proiezione del videoproiettore sia compatibile con il formato del software che stai utilizzando sul tuo computer.

In sostanza, se stai usando delle slide realizzate in formato 4:3 potrai utilizzare di fatto qualsiasi proiettore in quanto tutti riproducono in questo formato, ma se vuoi proiettare un filmato in formato 16:9 ti devi assicurare che il proiettore supporti tale formato (anche se oggi quasi tutti i proiettori nuovi in commercio lo permettono).

Ricordati che non tutti i videoproiettori si adattano automaticamente al formato del software del computer per cui spesso è necessario effettuare il giusto set up del videproiettore per riprodurre le immagini in modo corretto.

meetinghub facebook

5. Diagonale

icona diagonaleSi tratta della distanza tra i due angoli contrapposti dello schermo. Si misura in pollici.

Questo è un aspetto che spesso viene trascurato ma che è molto importante. Infatti, la diagonale ti permette di stimare la giusta distanza del videoproiettore dallo schermo di proiezione.

Se posizionerai il videoproiettore nel posto giusto, infatti, produrrai un’immagine di dimensioni standard. Questo ti permette di essere sicuro che la risoluzione e la luminosità siano perfette.

Le istruzioni dei videoproiettori in genere contengono uno schema esauriente che ti permette di capire dove posizionare lo strumento per avere una proiezione ottimale.

6. Gruppo ottico

icona gruppo otticoAll’interno del videoproiettore c’è un hardware complesso che elabora il flusso luminoso producendo l’immagine. È molto costoso: quando si rompe sono guai!

Fortunatamente è possibile monitorare la situazione del gruppo ottico del videoproiettore. In genere ha una funzione timer simile a quella delle stampanti. Puoi quindi sapere in tempo reale quanto manca all’esaurimento del gruppo ottico nel menu del videoproiettore.

Mi raccomando, nella scelta del videoproiettore chiedi sempre informazioni sul timer del gruppo ottico del modello che vorresti acquistare!

7. Posizionamento in sala

icona posizionamentoScegliere un videoproiettore adatto alle tue esigenze significa chiederti: dove lo metterò?

È meglio infatti calcolare la distanza e la posizione in cui lo metterai prima dell’acquisto, così eviterai di spendere soldi per trovarti con un videoproiettore che produce un’immagine insoddisfacente.

Difficilmente riuscirai a posizionare il videoproiettore perpendicolare allo schermo di proiezione. Se lo posizionerai in alto, attaccato al soffitto, il videoproiettore proietterà l’immagine con una inclinazione verso il basso. Se invece lo posizionerai in basso, proietterà l’immagine con una inclinazione verso l’alto.

Per fortuna il problema non è insormontabile, a patto che tu sappia scegliere bene. Nel momento dell’acquisto chiedi sempre se il videoproiettore ha la funzione keystone. Questa funzione ti permette di correggere in modo automatico le deformazioni se lo schermo non è in asse con il fascio di luce.

Proiettore a soffitto

Installare il proiettore a soffitto è una soluzione che libera lo spazio nella sala meeting ed evita che qualcuno inavvertitamente inciampi nei cavi, tuttavia se si desidera che il videoproiettore sia facilmente trasportabile, quella del posizionamento a soffitto non si rivela la soluzione ottimale.

Inoltre è bene sapere che non tutti i proiettori sono predisposti per essere fissati al soffitto.

I proiettori predisposti per il montaggio a soffitto infatti, sono caratterizzati dalla capacità di proiettare immagini sottosopra, per cui se desideri utilizzare questa soluzione assicurati che il proiettore sia già costruito a tale scopo.

8. Silenziosità

icona audioQuante volte, durante una conferenza, hai sentito quel fastidioso ronzio di ventole che girano?

Ebbene sì, si trattava del videoproiettore.

Purtroppo la ventola è fondamentale, specialmente per i sistemi DLP che assicurano una grande qualità dell’immagine. È anche vero che una ventola rumorosa può essere un fastidio per il pubblico di una conferenza. Per un pubblico che assiste alla proiezione di un film o un documentario potrebbe diventare addirittura intollerabile!

Non è necessario che tu vada alla ricerca di un videoproiettore completamente silenzioso… anche perché non ce ne sono. È sufficiente che te ne procuri uno con una ventola di raffreddamento che produca vibrazioni al di sotto di 28 decibel e ti curi di posizionarlo in un luogo in cui il rumore non produca rimbombi o eco. Posizionare il videoproiettore sul soffitto, ad esempio, riduce di molto l’impatto acustico delle ventole.

9. Dimensioni

icona dimensioniSe cerchi alte prestazioni e pensi di non spostare mai il tuo videoproiettore da dove lo installerai, potrebbe essere conveniente cercare un modello di grosse dimensioni ma di comprovata qualità.

Però, dato se sei un meeting planner o un formatore, credo che tu preferisca un videoproiettore per portartelo appresso per le tue conferenze. In tal caso la scelta migliore è un modello di piccole dimensioni.

Cerca in modo particolare i videoproiettori portatili. Ce ne sono di diversi tipi, in genere funzionanti con tecnologia DLP. Appaiono come piccole scatole di pochi centimetri di lunghezza e il loro peso si aggira tra 0,5 e 3 kg. Quindi, puoi metterli tranquillamente in borsa e portarteli appresso dove vuoi!

10. Collegamenti

icona collegamentiIl videoproiettore, per funzionare, ha bisogno di una fonte di dati. Questa in genere arriva da un computer, oppure da un apparecchio per la riproduzione televisiva in caso di proiezione di immagini da DVD o videocassetta.

In entrambi i casi bisogna conoscere gli attacchi per sapere sin da subito come connettere l’apparecchio… cosa che purtroppo blocca molte persone quando si trovano a tu per tu con la scelta del videoproiettore!

Tu invece non avrai problemi perché ti presenterò i principali attacchi per i sistemi di videoproiezione.

Attacco RGB (VGA)

Attacco RGB (VGA)

Si tratta dell’attacco fondamentale presente pressoché in tutti i sistemi audio video.

Consiste in tre connettori RCA che rappresentano i tre colori primari delle immagini elettroniche: rosso, verde e blu. Ognuna di esse trasmette l’impulso del colore primario. Il sistema del videoproiettore elabora gli impulsi e li proietta sullo schermo.

S-Video

S-Video

Si tratta di una presa video analogica di forma tondeggiante che trasporta i segnali di luminosità e colore dalla fonte al videoproiettore. Ti servirà per connettere il videoproiettore a una fonte analogica (per esempio un videoregistratore)

Videocomposito (CVBS)

Videocomposito (CVBS)

Si tratta di un jack trasportatore di impulsi video analogici. A differenza di S-Video, il sistema trasporta le informazioni su luminosità e colore nello stesso segnale. Nel videoproiettore si tratta di una presa RCA di colore giallo.

 

DVI

DVI

È uno degli attacchi più diffusi per connettere il videoproiettore ai sistemi informatici. Generalmente i personal computer, anche portatili, hanno questa porta e quindi possono essere connessi al videoproiettore. Prima di comprare un videoproiettore con attacco DVI controlla se ce l’ha anche il tuo computer!

USB

USB

Si tratta del famosissimo formato di connessione digitale presente in tutti i computer moderni.

HDMI

HDMI

Questo è un tipo di collegamento abbastanza recente ma che è presente in molti videoproiettori ad alta definizione. Consiste in una porta compatta molto simile a una comune porta USB, ma di forme più tozze.

Ma, quanto costa un videoproiettore?

Videoproiettori LCD

Un videoproiettore LCD “serio” di una buona marca (Epson o BenQ ad esempio) lo si può trovare a partire dalle € 300 in su. Naturalmente di pari passo con l’aumento del prezzo aumentano le caratteristiche, di seguito alcuni prezzi indicativi:

3000 lumen, risoluzione 800 x 600, formato 4:3 – € 300

3200 lumen, risoluzione 1024 x 768, formato 4:3 – € 430

3000 lumen, risoluzione 1280 x 800, formato 16:9 – € 440

3200 lumen, risoluzione 1280 x 800, formato 16:9 – € 480

3000 lumen, risoluzione 1920×1200 Full HD, formato 16:9  – € 590

3200 lumen, risoluzione 1920×1200 Full HD, formato 16:9  – € 700

Videoproiettori DLP

Anche per i videoproiettore DLP lI si può trovare a partire dalle € 300 in su, di seguito alcuni prezzi indicativi:

3000 lumen, risoluzione 800 x 600, formato 4:3 – € 300

3000 lumen, risoluzione 1024 x 768, formato 4:3 – € 340

3200 lumen, risoluzione 1024 x 768, formato 4:3 – € 370

3000 lumen, risoluzione 1280 x 800, formato 16:9 – € 400

3200 lumen, risoluzione 1280 x 800, formato 16:9 – € 430

3500 lumen, risoluzione 1920×1200 Full HD, formato 16:9  – € 750

4000 lumen, risoluzione 1920×1200 Full HD, formato 16:9  – € 1.050

I prezzi sono naturalmente indicativi.

Per oggi è tutto

È stato un lungo articolo… ma ne è valsa la pena! Infatti, ora sei in grado di scegliere un videoproiettore…
e consigliare i tuoi amici nella scelta!

Per iniziare puoi condividere questo post!

Inoltre ti suggerisco un sito specializzato nella vendita di videoproiettori. Su proiettore24.it potrai scegliere tra una vasta gamma di videoproiettori divisi per produttore o per applicazione e molti altri oggetti legati a questo mondo.

Buon acquisto!

Michele Ghilardelli

Michele Ghilardelli

Ebook Meeting Hub

Inserisci i tuoi dati e riceverai gratuitamente via mail l'Ebook completo.

Ben fatto! A minuti riceverai via mail l'Ebook!
Oh oh! qualcosa è andato storto! Riprova più tardi!

Articoli Correlati